ARTE SACRA

Maurice Denis, a cui spettano i più bei quadri pasquali moderni, contestualizzato tra i suoi contemporanei, tra pittura, musica e letteratura

Dopo numerosi interrogativi sulla sua datazione e autografia, il restauro dell’opera ha permesso di escludere l’intervento della bottega e riaffermare la mano del pittore veneto

Una mostra ricorda il 16 febbraio e il 7 marzo 1944, quando la città toscana fu colpita e le chiese di San Bartolomeo, Sant’Agostino e Santa Maria del Giglio furono devastate

Nel Museo di San Pietro all’Orto i frutti del lungo lavoro sul territorio di Alessandro Bagnoli, storico dell’arte funzionario della Soprintendenza di Siena e Grosseto dal 1980 al 2018

Nella Cappella Bacci della Basilica di San Francesco ad Arezzo fino al 12 marzo si sale sui ponteggi

Nell’VIII centenario delle stigmate del Santo, 60 opere documentano gli apici della pittura umbra del Duecento

In una cattedrale di Tbilisi, l’opera posta accanto alla Santa Matrona di Mosca è stata attaccata da un’attivista. È salva solo grazie al vetro di protezione

Un volume, a cura di Maria Ludovica Rosati e pubblicato dalla Fondazione Bruschettini, testimonia la complessità e la diffusione di preziosi «panni tartarici», offrendo nuove prospettive attraverso una collaborazione interdisciplinare di esperti internazionali

Articoli precedenti

Dal 2005 la restauratrice, figlia d’arte, lavora alla sua monumentale e visitassima rappresentazione sacra che dal prossimo anno avrà una nuova sede

Nel Palazzo dei Normanni a Palermo cinquantasei reperti, raramente esposti, per conoscere 5mila anni di scambi e influenze culturali nel cuore del Mediterraneo

Da Paolo VI in poi la Chiesa cerca, a partire dall’architettura, di ristabilire l’antica alleanza con gli artisti (cercare «l’invisibile che si cela nel visibile» che auspicava Klee): non più solo il verum e il bonum, ma di nuovo anche il pulchrum

Infranto un tabù: nella National Gallery di Londra, al Bode-Museum e Gemäldegalerie di Berlino, al Victoria and Albert Museum e all’Università di Londra la teologia sta rianimando l’arte e viceversa

Infranto un tabù: nella National Gallery di Londra, al Bode-Museum e Gemäldegalerie di Berlino, al Victoria and Albert Museum e all’Università di Londra la teologia sta rianimando l’arte e viceversa

Il pontefice conservatore di origine tedesca, noto studioso di teologia e oggetto di satira, ha avuto uno specifico interesse per il patrimonio d’arte del Vaticano e per l’arte contemporanea

Alla Promotrice di Belle Arti si respira un clima internazionale in cui la storia fa da grande trait d’union per costruire una narrazione di bellezza

Mostra altri