Scomparsa in mattinata Heidi Horten

Il 3 giugno era stato inaugurato il suo museo privato nel cuore di Vienna, è deceduta domenica 12 giugno nella sua villa sulle rive del Wörthersee in Carinzia

Da sinistra, Agnes Husslein e Heidi Horten nel 2018
Flavia Foradini |  | Vienna

Heidi Horten è deceduta domenica 12 giugno nella sua villa sulle rive del Wörthersee in Carinzia. Con un patrimonio stimato in 3 miliardi di dollari, la collezionista era considerata la donna più ricca in Austria. Nelle ultime settimane correvano voci di severi problemi di salute, e il 3 giugno l’81enne non aveva partecipato personalmente all’inaugurazione del suo museo privato in un palazzo appositamente restaurato nel cuore di Vienna, un progetto cui teneva molto e a cui aveva dedicato gli ultimi tre anni. Il 2 giugno abbiamo raccontato il nuovo museo nell’articolo «Il museo di Heidi Horten nel cuore di Vienna».

Era nata il 13 febbraio 1941 a Vienna da una famiglia della piccola borghesia. Nel 1959 incontrò il futuro marito, Helmut Horten, che sposò nel 1966. Nel 1987 l’uomo morì lasciandole in eredità un patrimonio stimato in un miliardo di dollari, riconducibile in parte ad una vasta fortuna radicata nel nazionalsocialismo e in pratiche, accertate anche da un recente rapporto di due storici, di arianizzazione di beni di proprietà di ebrei, il nostro giornale ha dedicato all’argomento il reportage «L’«arianizzazione» aleggia sul Museo Horten».

Soprattutto a partire dagli anni ’90 Heidi Horten prese a investire massicciamente in arte moderna e contemporanea: la sua collezione comprende oggi circa 700 opere che spaziano dall'arte moderna all'arte contemporanea, con artisti di primissimo piano.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Flavia Foradini