Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Il cambio climatico e i siti Unesco nel Mediterraneo: Venezia

Che cosa ne sanno e che cosa decidono di fare i rispettivi governanti?

L'acqua alta a Venezia lunedì 29 ottobre 2018

Le città antiche del Mediterraneo erano costruite sull'acqua. Ma oggi l'acqua sale e diventeranno città sommerse. Una ricerca pubblicata dalla più autorevole rivista scientifica del mondo «Nature», dà per certi i danni gravissimi provocati dai cambiamenti climatici ai 49 siti del Patrimonio Unesco lungo le sponde del Mediterraneo. 37 di loro saranno inondati entro il 2100.

Venezia: l’Italia deve agire

Venezia. Venezia non necessita di descrizione, e nemmeno il fatto che venga frequentemente inondata, a volte a considerevole profondità, come il 29 ottobre quando il livello dell’acqua ha raggiunto i 156 cm sopra il livello di riferimento, stabilito nel 1871 (l’inondazione inizia a +80 cm) all’osservatorio ufficiale di Punta della Salute. Il rapporto di «Nature» colloca Venezia nella più alta categoria di rischio tanto di erosione quanto di vulnerabilità all’incremento del livello del mare, con picchi fino a 2,5 metri previsti entro il 2100. Il primo perché la laguna sta perdendo sedimenti a ogni bassa marea dell’Adriatico; il secondo perché il livello dell’acqua in città è già salito di 30 cm rispetto al 1871.

Il rapporto dice che la città sarà protetta da barriere mobili, il Mose (la cui operatività è prevista nel 2021, con 10 anni di ritardo), progettate per sopportare un allagamento eccezionale fino a 3 metri; omette però di dire che esse non potranno salvare la città da un aumento cronico del livello del mare, che causerà l’allagamento della città a ogni alta marea verso la fine del secolo a meno di tenerle chiuse quasi in permanenza, con conseguente grave inquinamento dell’ambiente lagunare. Ciò è messo in evidenza da uno studio dell’Ismar-Cnr, pubblicato dall’Unesco nel 2011.

Le ripetute richieste all’assessore per l’ambiente della città, Massimiliano De Martin, di fornire informazioni sui progetti di lungo termine per far fronte al problema non hanno ricevuto risposta, sebbene ci sia stato detto che l’assessore è a conoscenza dell’articolo di «Nature». Mechtild Rössler, direttore del Centro per il Patrimonio Mondiale dell’Unesco a Parigi, ha detto: «L’Italia è un Paese ricco e deve prendersi seriamente le sue responsabilità; è ora di agire».

Aquileia
Arles
Butrinto
Corfù
Dubrovnik
Ferrara
Istanbul
Napoli
Palmanova
Pisa
Pompei
Ravenna
Rodi
Siracusa
Val di Noto
Venezia

Anna Somers Cocks, da Il Giornale dell'Arte numero 392, dicembre 2018


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012