Il cambio climatico e i siti Unesco nel Mediterraneo: Palmanova

Che cosa ne sanno e che cosa decidono di fare i rispettivi governanti?

Veduta aerea di Palmanova (Ud)
Veronica Rodenigo |  | Palmanova (Ud)

Le città antiche del Mediterraneo erano costruite sull'acqua. Ma oggi l'acqua sale e diventeranno città sommerse. Una ricerca pubblicata dalla più autorevole rivista scientifica del mondo «Nature», dà per certi i danni gravissimi provocati dai cambiamenti climatici ai 49 siti del Patrimonio Unesco lungo le sponde del Mediterraneo. 37 di loro saranno inondati entro il 2100.

Palmanova: rischio basso

Città fortezza veneziana edificata nel 1593, dal 2017 è inserita nel Patrimonio Unesco come parte delle «Opere di difesa veneziane tra il XVI e il XVII secolo: Stato da Terra-Stato da Mar Occidentale».

A contraddistinguerla è la sua pianta poligonale a stella di nove punte. Pur distando dalla costa adriatica circa 28 chilometri (se si prende a riferimento la località marittima di Grado), la ricerca del «Nature» la inserisce comunque all’interno della cartina che illustra i 49 siti in zone costiere
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo