Image

Montaggio dei ponteggi nella Cappella Bacci. © Direzione regionale Musei della Toscana/Muar

Image

Montaggio dei ponteggi nella Cappella Bacci. © Direzione regionale Musei della Toscana/Muar

A portata di carezza la Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca

Nella Cappella Bacci della Basilica di San Francesco ad Arezzo fino al 12 marzo si sale sui ponteggi

Elena Franzoia

Leggi i suoi articoli

Si conclude il 12 marzo l’intervento di manutenzione e revisione conservativa promosso dalla Direzione Regionale dei Musei della Toscana sul celebre ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce nella Cappella Bacci della Basilica di San Francesco, dipinto da Piero della Francesca tra 1452 e 1466.

Già effettuato nel 2016, l’intervento iniziato in gennaio ha riguardato la rimozione delle consistenti quantità di polveri e particellato atmosferico depositati sulle superfici dipinte e la verifica dello stato di conservazione della pellicola pittorica e degli intonaci, evitando l’insorgere o il progredire di fenomeni di degrado come sollevamenti, distacchi e processi di solfatazione. Il cantiere ha compreso il restauro della bifora vetrata, per la quale è stata predisposta una nuova controvetrata esterna, e della grande Croce dipinta tardoduecentesca attribuita all’anonimo artista umbro detto Maestro di San Francesco, protagonista fino al 9 giugno di una grande mostra alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia.

Per tutta la durata dei lavori il ponteggio è accessibile a visite guidate intitolate «All’altezza di Piero» realizzate in collaborazione con la Fondazione Arezzo Intour. L’accesso in sicurezza al cantiere è consentito dal sistema di ponteggio multidirezionale Allround brevettato dalla ditta tedesca Layher che, non necessitando di sistemi di ancoraggio, preserva le superfici dipinte e grazie all’assenza di giunzioni a bullone permette di collegare gli elementi tra loro secondo l’orientamento desiderato.

Il ciclo di affreschi è tratto dalla celebre Legenda Aurea, raccolta duecentesca di vite di santi e spiegazioni liturgiche composta dal frate domenicano Jacopo da Varagine. Seguendo un ordine simbolico e non cronologico, gli affreschi si articolano su tre livelli, partendo dalla nascita dell’albero con il cui legno secondo la tradizione venne realizzata la Croce di Cristo.

Montaggio dei ponteggi nella Cappella Bacci. © Direzione regionale Musei della Toscana/Muar

Elena Franzoia, 08 marzo 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nelle Venetian Galleries il rapporto simbiotico dell’artista con la città natale

200 opere di 156 artisti degli ultimi cento anni contrappongono l’orgoglio nero agli stereotipi e dimostrano come la realtà nera sia ancora rappresentata in modi falsi e distorti

L’opera, eseguita in terracotta dal figlio adottivo Andrea di Lazzaro Cavalcanti come modello per il monumento funebre nel Duomo di Firenze, è stata riconosciuta da Giancarlo Gentilini e Alfredo Bellandi e acquistata dal Museo dell’Opera per 300mila euro

Un recente volume rende omaggio alle millenarie affinità e relazioni che avvicinano due città cardinali della storia del Mediterraneo

A portata di carezza la Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca | Elena Franzoia

A portata di carezza la Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca | Elena Franzoia