Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Ritratti di signore da Dorotheum

Alla casa d'aste austriaca torna Artemisia, tra Bellotto e l’entourage di Raffaello

La «Madonna col Bambino» ascrivibile all’entourage di Raffaello (particolare). © Dorotheum

Vienna. Una delicata «Madonna col Bambino» che si avvicina alle opere giovanili di Raffaello, o comunque ascrivibile all’entourage del maestro urbinate, sarà uno dei lotti di punta dell’asta organizzata da Dorotheum il 22 ottobre. Il dipinto, stimato 300-400mila euro, è stato sottoposto all’esame storico artistico e ad analisi di laboratorio come la riflettografia infrarossa che ha rivelato la presenza di un disegno preparatorio sottostante simile a quello riscontrato nelle opere di Raffaello.

Il tratto disinvolto e la tecnica raffinata lo accostano ai lavori realizzati durante il periodo umbro (1497-1503/04) e non mancano analogie con altre opere dell’artista come la «Madonna Northbrook» conservata al Worcester Art Museum, in Massachussetts, e la «Madonna Cowper» alla National Gallery of Art di Washington. L’opera in asta è stata riscoperta in una collezione privata europea già appartenuta alla duchessa di Castiglione Colonna (1836-79).

Fra gli altri lavori di artisti italiani all’incanto si fa notare un «Capriccio» di Bernardo Bellotto che coniuga motivi classici e medievali alla citazione di alcuni edifici di Dresda, città dove il quadro fu dipinto (100-150mila).

Sono presenti anche due artiste, ovvero Artemisia Gentileschi il cui «Davide con la testa di Golia» dall’accentuato chiaroscuro è databile 1631 (400-600mila) e Lavinia Fontana con «Cristo e la Samaritana alla fonte», una tela che si ritiene in origine nella collezione della nobile famiglia romana dei Pignatelli (50-70mila).

Esprime pienamente l’attenzione verso i ceti sociali più umili, propria dei «pittori della realtà» lombardi del XVIII secolo l’olio su tela «I soldati che giocano a carte» di Giacomo Ceruti detto Il Pitocchetto (300-500mila). La scena di genere vede protagonisti alcuni fanti «oltremarini» della Serenissima, colti in modo naturalistico in un frammento di quotidianità.

La pittura fiamminga trova invece fra i suoi rappresentanti Jan Brueghel II con una natura morta floreale dai vividi colori, in ottime condizioni di conservazione (100-150mila), mentre di Anton van Dyck sono presenti due dipinti.

Nel primo, «Sant’Andrea» (200-300mila), il tema degli apostoli trova ispirazione nel suo maestro Rubens, benché non sia privo di un potere emotivo e di un’espressività del tutto personali.

La seconda opera, «Ritratto di signora» (120-180mila), probabilmente una nobildonna genovese, costituisce un rarissimo esempio di olio su rame di Van Dyck e testimonia i legami fra Anversa e Genova nel XVII secolo.

Sempre da Dorotheum, il 23 ottobre, sarà la volta dei dipinti dell’Ottocento. Con una stima di 1,5-1,9 milioni di euro è offerto l’olio «Signora turca», una delle rare opere sul mercato di Osman Hamdi Bey (1842-1910), fondatore della pittura turca moderna. Si formò a Parigi con Gustave Boulanger e Jean-Léon Gérôme e conciliando tradizione e modernità, Oriente e Occidente, svolse un ruolo importante per la vita culturale della Turchia nella seconda metà del XIX secolo.

Elena Correggia, da Il Giornale dell'Arte numero 401, ottobre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012