Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Design scandinavo, italiano e contemporary

Gli appuntamenti del mese in Italia e all’estero

Tavolo in noce scolpito (pezzo unico) di Osvaldo Borsani degli anni Quaranta  proposto da Piasa a 30-40mila euro. © Piasa

Londra, Milano, Parigi, Torino, Vienna. Continuano a marzo gli appuntamenti con il design, la cui stagione è già iniziata a metà febbraio con numerose aste. All’estero, Christie’s batterà a Londra il 6 marzo, all’interno di una vendita dedicata al design e alla fotografia, una sorprendente «Bone Chair» (2006) in alluminio di Joris Laarman (stima 455-685mila euro) accanto a creazioni di Gio Ponti, Marc Newson, Carlo Mollino e Marc du Plantier.

Sempre a Londra, il 21 del mese, Phillips ha programmato un’asta di «Important Design» che vedrà protagonisti George Nakashima, Jean Després, Yoichi Ohira, Gio Ponti, Mollino ed Ettore Sottsass. Tra i lotti più significativi dei designer italiani risaltano tre sgabelli, in noce, bronzo e cuoio, disegnati nel 1930-31 da Gio Ponti per Villa Vittoria a Firenze dei Contini Bonacossi (57-80mila) e tre sedie di Carlo Mollino (1953 ca) provenienti dalla Casa del Sole di Cervinia (68-91mila). Di Ponti sono offerti, anche, una coppia di piccole scrivanie Dattilo, disegnate intorno al 1939 per gli uffici della Vetrocoke a Milano, in vetro Securit, noce, gomma e ottone nichelato (9-14mila) e un paio di rare plafoniere del 1958 ca, in vetro e ottone, prodotte da Arredoluce (14-20mila).

Il 12 marzo Piasa esiterà a Parigi un’asta dedicata interamente al design scandinavo e comprendente una cinquantina di lampade create, tra il 1950 e il 1960, da Hans-Agne Jakobsson (1919-2009), tra cui il celebre modello cilindrico G81 del 1950 (10-15mila).

La stessa Piasa proporrà, il 27 del mese, una vendita dedicata al design italiano degli anni ’50 e ’60, comprendente una selezione di pezzi storici di Arredoluce, alcune belle creazioni di Fontana Arte, un tavolo da pranzo (pezzo unico) di Osvaldo Borsani degli anni ’40 in noce scolpito, metallo e vetro (30-40mila) e una rara console in noce di Gio Ponti. Vi saranno, inoltre: una coppia di poltrone Giulietta e una libreria dello studio BBPR, un paio di applique di Max Ingrand, modello n. 1598, per Fontana Arte, un tavolo di Piero Bottoni e un altro di Mangiarotti, accanto a lampade di Gino Sarfatti (modello n. 1063 del 1954 proposto a 15-20mila euro) e ad arredi di Franco Albini, Paolo Buffa, Ignazio Gardella e Ico Parisi.

Infine, Dorotheum proporrà a Vienna prototipi, pezzi unici e rarità nell’asta Design First del 27 marzo, tra cui il tavolo «Santiago» (1954-55) di Mathieu Matégot, del quale esistono soltanto due esemplari (40-60mila) e il tavolino da salotto «Nastro», pezzo unico realizzato da Giacomo Manzù nel 1969 per il soggiorno della propria residenza in Campo del Fico vicino Ardea (130-180mila).

In Italia, il 14 marzo Cambi propone a Milano un appuntamento ricco di offerte, tra cui una cassettiera di Gio Ponti proveniente dagli arredi dell’Hotel Royal di Napoli (25-30mila), un raro mobile di Borsani con le maniglie in bronzo disegnate da Lucio Fontana (4-6mila) e alcune proposte di illuminazione di Arredoluce e Arteluce.

A Torino la casa d’aste Sant’Agostino celebra 50 anni di attività con la 150ma asta dedicata al design: il 18 e 19 marzo verranno esitati oltre 500 lotti fra mobili e arredi di varie tipologie e importanza, come la coppia di poltrone mod. Senior prodotte da Arflex nel 1951 su disegno di Marco Zanuso, la lampada da terra mod. 1967 anni ’50 di Gio Ponti e altri oggetti di Franco Albini, Luigi Veronesi, Ettore Sottsass, Aldo Tura, Gaetano Pesce, Stilnovo, Arredoluce, Venini, Seguso, Cristal Art, Cassina e I.S.A. Tra le novità, una sezione dedicata al Contemporary Design con oggetti di recente produzione: verrà presentato in anteprima il prototipo del mobile «Omino» disegnato da Alessandro Mendini, la consolle «Cubica», edizione di soli 9 esemplari di Ettore Sottsass e una selezione di mobili firmati Ettore Sottsass e Mimmo Paladino in tiratura limitata di 99 esemplari. Anche il gioiello d’artista sarà presente con circa 50 lotti, alcuni disegnati e realizzati da Cleto Munari e altri realizzati dallo stesso su disegno di designer e architetti della storia italiana.

Carla Cerutti, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012