Abito di Comme des Garçons, collezione ayutunno-inverno 1988 -1989

Image

Abito di Comme des Garçons, collezione ayutunno-inverno 1988 -1989

Un vero archivio della moda

Sotheby’s disperde le collezioni di Quidam de Revel, boutique parigina con i più bei nomi dell’haute couture

Giovanni Pellinghelli del Monticello

Leggi i suoi articoli

Da Sotheby’s il 5 luglio vengono dispersi 160 modelli, gioielli e accessori dal 1930 al 2000 dalla collezione di Quidam de Revel, la boutique nel cuore del Marais dedicata alla moda d’epoca, in cui Emmanuelle e Philippe Harros da oltre vent’anni raccolgono pezzi iconici di haute couture e prêt-à-porter di lusso.

Di questo vero archivio museale della moda si presenta una selezione di opere di stilisti storici come Madame Grès, Elsa Schiaparelli, Hubert de Givenchy, Yves Saint Laurent, Pierre Cardin, André Courrèges, Paco Rabanne, Azzedine Alaïa, Comme des Garçons, Kansai Yamamoto e Martin Margiela.

Spiccano un abito di Paco Rabanne del 1967 composto da lastre di metallo (stime 6-8mila euro); l’abito «à tournure» con le dame con il barboncino dalla celebre collezione del 1939, in cui Elsa Schiaparelli rivisita la Belle Epoque, presente al Philadelphia Museum of Art (6-8mila). Hubert de Givenchy appare con il cappotto da sera interamente ricamato in paillettes a motivi floreali, 1973, ispirato al Pointillisme (3-4mila) mentre nella collana in rhodoïd (materia plastica creata da Rhône-Poulenc nel 1917) con applicati insetti in smalto iridescente, 1938, Schiaparelli fonde «La Primavera» di Botticelli e il Surrealismo (15-20mila).

Per finire l’abito in velluto nero dal vertiginoso «dos-nu» con rose di Thierry Mugler, 1987 (2-3mila), esposto al Musée des Arts Décoratifs di Parigi.

Abito di Comme des Garçons, collezione ayutunno-inverno 1988 -1989

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 29 giugno 2018 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Le tappe del restauro dell’opera sono ora ripercorse in un volume, insieme al rapporto tra la pittrice più inneggiata del Seicento italiano e europeo e il committente Michelangelo Buonarroti il Giovane

Il libro di Adele Milozzi è un viaggio biografico tra le vite di granduchi, banchieri, cadetti e principesse, classificato un po’ impropriamente solo come «guida»

Nel Palazzo dei Diamanti l’artefice visionario di realismi impossibili in un allestimento curato da Federico Giudiceandrea e Mark Veldhuysen, presidente della Escher Foundation

In una vendita del 20 marzo verrà battuto il marmo dello scultore veneto raffigurante Maria Luisa d’Asburgo nelle vesti della musa della poesia

Un vero archivio della moda | Giovanni Pellinghelli del Monticello

Un vero archivio della moda | Giovanni Pellinghelli del Monticello