Image

«Coin de jardin avec papillons», di van Gogh. © 2018 Christie's Images Ltd

Image

«Coin de jardin avec papillons», di van Gogh. © 2018 Christie's Images Ltd

Il trionfo del colore

Nelle aste di novembre, Monet e Van Gogh i pezzi forti di Christie’s, da Sotheby’s 33 lotti di una collezione privata stimata oltre 79 milioni di euro

Giovanni Pellinghelli del Monticello

Leggi i suoi articoli

Per le aste di novembre dedicate agli impressionisti e all’arte moderna inizia Christie’s, che apre l’11 novembre la «20th Century Week at Christie’s New York». Propone opere che spaziano da Claude Monet, «Effet de neige à Giverny», olio su tela del 1893, firmato e datato (stima 4,3-7 milioni di euro), ai due oli di Picasso dalla collezione Rose-Walters: «Femme au béret orange et au col de fourrure (Marie-Thérèse Walter)» datato 4 dicembre 1937 (13-17 milioni di euro) e «Buste de femme (Dora Maar)», firmato e datato «Picasso 28.3.39.» (4,3-7 milioni), per proseguire con «Reclining figure» (1982), monumentale bronzo di Henry Moore, firmato e numerato «Moore 4/9» con marchio di fonderia «Morris Singers Founders London», e l’olio e tempera su tela «Les paysans» (1971) di Marc Chagall, firmato due volte: in basso a destra e sul retro (1,6-2,2 milioni).

I due pezzi più importanti della vendita sono una delle 14 grandi (100,7x200,8 cm) tele di ninfee realizzate fra il 1915 e il ’20 da Monet: «Le bassin aux nymphéas» (1917-19), firmato sul recto e sul retro (26-43,5 milioni) e l’olio su tela «Coin de jardin avec papillons», dipinto da Vincent van Gogh fra maggio e giugno 1887 (stima a richiesta).

Non è da meno l’Evening sale del 12 novembre da Sotheby’s, dedicata ai 33 lotti della collezione privata intitolata «The triumph of color», stimata oltre 79 milioni di euro. Costituita nei decenni 1970-80, rappresenta uno degli esempi più qualitativi di opere dell’Impressionismo e Postimpressionismo ancora in mani private con lavori di Renoir, Matisse, Sisley, Pissarro, Cézanne, Le Corbusier, Signac, Léger, tre strepitosi Kandinskij e opere di fauve e di espressionisti tedeschi e altri. I tre Kandinskij coprono idealmente quattro decenni di attività.

«Zum Thema jüngstes Gericht», un olio del 1913, è opera unica del periodo di Murnau (1908-14) in cui Kandinskij è già avviato verso l’Astrattismo (19-30 milioni). Seguono «Le rond rouge», olio su tela di eccezionale formato (1939), che rispecchia l’esaltante decennio 1934-44 trascorso a Parigi (16-22 milioni) e un altro primo lavoro astratto, «Improvisation auf Mahagoni» del 1914 (13-17,5 milioni). Importanti anche le tre tele di Maurice de Vlaminck: «Paysage au bois mort» (10,5-15,6 milioni), «Pêcheur à Chatou» (8-12 milioni) e «Nu couché» (1,7-2,6 milioni), eseguite nel 1905-06 all’apogeo del Fauvisme, e gli esempi di Espressionismo tedesco di Alexej von Jawlensky, Max Pechstein, August Macke e Heinrich Campendonk.

A questo filone si collega l’ultimo dipinto in asta, estraneo alla collezione ma di eguale valore e dalla storia travagliata di opera d’arte razziata dai nazisti: «Dämmernde Stadt (Die Kleine Stadt II)», olio e pastello nero su tela di Egon Schiele, firmato e datato 1913 (10,5-15,6 milioni), in origine proprietà di Elsa Koditschek che l’acquistò nel 1928 e presente grazie all’accordo di restituzione fra gli attuali proprietari e gli eredi di Elsa Koditschek.

«Coin de jardin avec papillons», di van Gogh. © 2018 Christie's Images Ltd

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 09 novembre 2018 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

I sopracamini che l’imprenditore Michelangelo Poletti si è aggiudicato nel 2022 sono esposti a Palazzo d’Accursio, dopo l’intervento di Giovanni Giannelli del Laboratorio Ottorino Nonfarmale

Le tappe del restauro dell’opera sono ora ripercorse in un volume, insieme al rapporto tra la pittrice più inneggiata del Seicento italiano e europeo e il committente Michelangelo Buonarroti il Giovane

Il libro di Adele Milozzi è un viaggio biografico tra le vite di granduchi, banchieri, cadetti e principesse, classificato un po’ impropriamente solo come «guida»

Nel Palazzo dei Diamanti l’artefice visionario di realismi impossibili in un allestimento curato da Federico Giudiceandrea e Mark Veldhuysen, presidente della Escher Foundation

Il trionfo del colore | Giovanni Pellinghelli del Monticello

Il trionfo del colore | Giovanni Pellinghelli del Monticello