Image

Giovanni Ozzola. Foto: Oak Taylor Smith, 2019

Image

Giovanni Ozzola. Foto: Oak Taylor Smith, 2019

CONTINENTE ITALIA | Giovanni Ozzola

Artisti italiani, virtuosi non virtuali: le tecniche, i temi e le quotazioni di mercato dei nomi più votati dell'inchiesta

Image

Jenny Dogliani

Leggi i suoi articoli

Contamina fotografia, videoarte e installazione con tecniche tradizionali come l’incisione e lo strappo d’affresco. Le sue opere sono «ibridi» che documentano la relazione dell’uomo con lo spazio e con il tempo. Al centro di ogni lavoro vi sono l’infinito, la luce e l’esplorazione di sé e del mondo. In «Fosun» (2019), per esempio, una donna vaga nel buio accompagnata dalla sua ombra, seguendo un’aggrovigliata traiettoria scalfita sul pavimento.

«Octilion», invece, è una serie di superfici monocromatiche in silicone, pittura e rete metallica. Sembrano porzioni di muri intonacati corrosi dai secoli, tracce di antiche mappe verso destinazioni ignote. «Sin Tiempo» è la fotografia di una moderna e fatiscente rovina abbandonata sull’orizzonte del mare.

È stato insignito di numerosi riconoscimenti quali Seat Pagine Gialle (2007),  Premio Terna Gigawatt Category (2008), Talent Prize (2010) e Premio Cairo (2011). Ha tenuto personali in istituzioni italiane e internazionali; tra le collettive, quelle allestite alla Fondation Louis Vuitton a Parigi, il Mori Art Museum a Tokyo e la Tate Modern a Londra.

Giovanni Ozzola, Firenze, 1982
• Fotografia, video, installazioni
• Galleria Continua (3-60mila euro)

CONTINENTE ITALIA
Una mappa dell'arte italiana nel 2021
 

Giovanni Ozzola. Foto: Oak Taylor Smith, 2019

Jenny Dogliani, 16 dicembre 2020 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Diciassette giovani artisti italiani selezionati da Marco Bassan e Ludovico Pratesi per «Energie contemporanee», il primo appuntamento del nuovo programma espositivo che porta la creatività contemporanea nel più importante distretto di innovazione della città, ROAD | Rome Advanced District

Patriota, mecenate ed eroina risorgimentale, la contessa bergamasca, stimata anche da Napoleone III, fu al centro di un salotto letterario, culturale e politico tra Milano e Clusone. Un cenacolo dove passarono alcuni dei personaggi più significativi del XIX secolo, da Mazzini a Verdi, Hayez, Manzoni e Balzac, e dove l’arte e la letteratura del nostro Paese si intrecciò con la storia dell’unificazione d’Italia

Incoronato dalle Alpi Orobie e immerso nel verdeggiante paesaggio montuoso della ValSeriana, un itinerario tra arte e natura alla scoperta di opere, musei e architetture sacre dove ammirare testimonianze di Tintoretto, Cignaroli, Gerolamo Quadrio, Andrea Fantoni, Pitocchetto e molto altro ancora 

Inaugurato a Prato il Bosco delle Neofite. È il nuovo capitolo dell’attività non profit dell’Associazione Arte Continua, che da 34 anni difende il paesaggio e porta la grande arte contemporanea nello spazio pubblico, grazie alla generosità di affermati artisti internazionali e alla collaborazione delle amministrazioni pubbliche

CONTINENTE ITALIA | Giovanni Ozzola | Jenny Dogliani

CONTINENTE ITALIA | Giovanni Ozzola | Jenny Dogliani