Ricostruito il meraviglioso Statuario Grimani

È tornata nella Tribuna del Museo parte della ricca collezione di statuaria antica

Una veduta dello Statuario Grimani ricomposto
Veronica Rodenigo |  | Venezia

In occasione di «Domus Grimani. 1594-2019», ha fatto ritorno nella Tribuna del Museo di Palazzo Grimani (fino al 30 maggio 2021) parte della ricca collezione di statuaria antica appartenuta al patriarca di Aquileia Giovanni Grimani e allo zio Domenico, oggi nella collezione del Museo Archeologico Nazionale di Venezia.

Giovanni la donò alla Serenissima nel 1587 supervisionandone, su disegno di Vincenzo Scamozzi, la nuova collocazione nell’Antisala della Biblioteca Marciana (ritratta da Anton Maria Zanetti il Giovane nel 1736 e ispirata alla sistemazione della Tribuna Grimani): fu il primo nucleo dello Statuario della Repubblica.

Quello che il patriarca concepì come un vero e proprio antiquarium conteneva più di 130 esemplari in bronzo e in marmo; statue e busti spesso anche frutto di assemblaggi tra frammenti antichi e materiali più tardi. Oggi solo per alcuni è stato possibile individuare e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo