Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Madri e figli esotici

Al Museo Etnografico di Basilea uno dei temi ancestrali che attraversano la storia dell’umanità

Un dipinto di Jeremiah Ngwanyam (1974)

Basilea (Svizzera). Non poteva esserci sede migliore di un museo etnografico per ricordarci che in ogni cultura esistono diversi significati dell’essere madre e, di conseguenza, dell’essere figli. Alla misteriosa ed esclusiva relazione tra madre e figlio è dedicata l’esposizione «Mutter und Kind», in mostra presso il Museo Etnografico di Basilea dal 22 novembre al 5 gennaio.

Il rapporto madre-figlio è uno dei temi ancestrali che attraversano la storia dell’umanità (e non solo) in tutte le sue plurime manifestazioni: le opere esposte mostrano come questa relazione sia definita non soltanto da emozioni, ma anche da norme culturali. La sacralità della figura materna, uno degli emblemi della tradizione cristiana, viene presentata analizzando il suo sviluppo nella storia e nell’iconografia attraverso i millenni: dalla dea egizia Iside fino alle figure femminili ricorrenti nel vudù.

La giovane antropologa svizzera Tabea Buri, curatrice della mostra, afferma che Madre e figlio è un «omaggio alla Cattedrale di Basilea» (a due passi dal museo) e al simbolo della Vergine Maria, Madre per eccellenza. Attraverso sculture, dipinti, stampe e fotografie storiche provenienti da tutto il mondo, l’esposizione affronta alcuni dei molteplici aspetti legati al tema fondamentale della maternità: la rappresentazione del corpo materno e della sua evoluzione prima e dopo la nascita, il rapporto tra idealizzazione della madre e realtà o ancora il ruolo della maternità nei confronti del lavoro e il suo legame con il dolore.

Fondato nel 1893, il Museum der Kulturen der Welt (Museo delle culture del mondo) nasce dalla prima collezione etnografica pubblica d’Europa, inaugurata circa mezzo secolo prima in un edificio costruito dall’architetto Berri Bau. Già a quel tempo, la collezione, che allora si chiamava più modestamente Museo della Città di Basilea, includeva oggetti etnografici appartenenti al collezionista Lukas Vischer, alcuni dei quali sono tuttora presenti nel fondo di oltre 3mila opere del museo.

Bianca Bozzeda, da Il Giornale dell'Arte numero 402, novembre 2019


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Vedere a Torino 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012