La filosofia preveggente e mortifera del Cosmismo

Nello Stedelijk Museum di Amsterdam una mostra dedicata alla corrente filosofica nata in Russia dalle teorie di Nikolaj Fëdorov

«La barca-biotecnosfera» (1980), di Fedir Tetyanych. Cortesia Stedelijk Museum
Sophia Kishkovsky |  | Amsterdam

Oggi i miliardari si affrettano a colonizzare lo spazio, a creare nuove forme di intelligenza artificiale e ad allungare la durata della vita. Ma queste ambizioni e queste idee non sono nuove. Il Cosmismo, un movimento dei primi del ’900 basato sulle idee del filosofo russo del XIX secolo Nikolaj Fëdorov, stava già esplorando questi concetti e la mostra «Cosmism: Images From a Future Gathering» allo Stedelijk Museum di Amsterdam dal 13 gennaio al 3 marzo, esplora come gli artisti siano stati influenzati da queste idee.

«È incredibile come all’inizio del Novecento questi esperimenti di pensiero molto fantascientifici, quasi da apocalisse zombie, abbiano influenzato così tanto gli artisti, spiega il cocuratore della mostra, Robbie Schweiger. Questo è continuato durante la Guerra Fredda con la conquista dello Spazio. Ora le persone congelano di nuovo i loro corpi perché pensano di poter risorgere, mentre i miliardari vanno nello spazio. Ora è per pochi ricchi felici, a differenza degli anni Venti, quando veniva presentata come un’idea che avrebbe unito tutta l’umanità nella lotta contro la morte. Quindi è diventato qualcosa di molto diverso».

Quasi la metà delle opere in mostra sono dell’artista russo Vasilij Chekrygin (1897-1922), uno dei primi sostenitori della filosofia cosmista, noto per le immagini religiose escatologiche e per aver illustrato le teorie filosofiche di Fëdorov. Nato nella regione russa di Kaluga, Chekrygin visse e studiò a Kiev e fu un protetto dell’artista Mikhail Larionov, ma morì giovane, investito da un treno, nel 1922.

«La cosa principale che si nota nelle opere di Chekrygin è il tema della resurrezione dei morti, prosegue Schweiger. Ci sono disegni raffiguranti persone, figure umane, che risorgono, alcune delle quali sfidano la gravità. Le vedi cadere, le vedi salire, le vedi urlare disperate». Secondo il Cosmismo, i risorti vivrebbero su altri pianeti. Le opere di Chekrygin sono in prestito permanente allo Stedelijk dalla collezione dello scrittore, storico dell’arte e collezionista Nikolaj Khardzhiev, finita ad Amsterdam negli anni Novanta. Khardzhiev è nato in Ucraina nel 1903 e ha vissuto a Mosca, dove ha allestito mostre sull’opera di Chekrygin nei primi anni Sessanta, prima di trasferirsi ad Amsterdam, dove è morto nel 1996. Il suo archivio, che comprende manoscritti di Chekrygin, è stato digitalizzato e gli originali sono stati consegnati all’archivio letterario statale russo.

Un’aggiunta più recente allo Stedelijk è l’opera dell’artista ucraino Fedir Tetyanych (1942-2007), inviata dal figlio in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022. Schweiger racconta di aver visto per la prima volta le opere di Tetyanych, che spesso esplorano la colonizzazione interplanetaria, al Pinchuk Art Centre di Kiev nel 2017 e di essere stato avvisato da un post su Instagram della minaccia rappresentata dall’invasione russa. La mostra include anche i disegni di Casimir Malevic di strutture extraterrestri e gli schizzi di Natalia Goncharova realizzati per l’opera futurista «Vittoria sul Sole». Tra gli altri artisti dell’inizio del XX secolo figurano Elena Guro, Gustav Klutsis, El Lissitzky e Mikhail Matyushin. In sezioni separate sono esposte due recenti installazioni di artisti contemporanei: una sala di lettura cosmica di Anton Vidokle e «Ruler of the Stars» di Yelena e Viktor Vorobyev, una serie di fotografie che mostrano una figura che sembra punzecchiare le stelle nel cielo.

© Riproduzione riservata
Calendario Mostre
Altri articoli di Sophia Kishkovsky