La collezione Macklowe rimane sulle stime

L'asta totalizza 676 milioni di dollari, il risultato di vendita più alto nella storia di Sotheby's. Gli offerenti dall'Asia si sono aggiudicati i due lotti più importanti della vendita, le opere trofeo di Giacometti e Rothko

Il banditore Oliver Barker tra alcuni top lot dell'asta della collezione Macklowe: da sinistra, «No.7» di Mark Rothko, «Le Nez» di Alberto Giacometti, «Untitled» di Agnes Martin e  «Number 17, 1951» di Jackson Pollock @ Sotheby's
Benjamin Sutton |

Il divorzio, una delle tre «D» che portano all'asta le principali collezioni d'arte, ha generato un diluvio di un'altra «D» (dollari) a Sotheby's alla prima delle due aste, ordinate dal tribunale, della collezione d'arte di Linda e Harry Macklowe. Nella notte di lunedì 15 novembre a New York tutti i 35 lotti hanno trovato acquirenti, realizzando una white glove sale che ha portato a un prezzo di aggiudicazione totale di 588,7 milioni di dollari, vicino alla fascia alta della stima di prevendita di 439,4-618,9 milioni. Con le commissioni, l'incasso totale della serata è stato di 676,1 milioni, rendendola la vendita più preziosa nei 277 anni di storia di Sotheby's. Nuovi record sono stati stabiliti per le opere di Agnes Martin, Jackson Pollock, Robert Irwin e Michael Heizer.

L'intera vendita è stata assistita da una garanzia finanziaria a copertura di tutti i 35 lotti, di cui 22 con offerta anche irrevocabile, e ha visto una forte concorrenza da parte di offerenti e specialisti nella sala vendite di Sotheby's a New York, nonché specialisti a Londra e Hong Kong e occasionali offerenti online. Mentre l'asta stava per iniziare, il banditore Oliver Barker ha detto scherzando: «Immagino che si possa definire questa vendita la più ambidestra che abbiamo mai avuto».

Le due star della serata, la luminosa tela «N. 7» di Mark Rothko (1951) e il torturato bronzo «Le Nez» (1947) di Alberto Giacometti, entrambi stimati tra i 70 e i 90 milioni di dollari, sono andati a collezionisti asiatici, anche se con risultati diversi. Il Rothko, una composizione a cascata di malva, chartreuse e arancione, ha scatenato una gara di otto minuti esclusivamente tra i collezionisti asiatici, con il senior director di Sotheby, Patti Wong, che ha registrato l'offerta vincente di 77,5 milioni. Con le commissioni il prezzo è arrivato a 82,4 milioni, il secondo risultato d'asta più alto per un'opera dell'artista.

«Rothko è nel Pantheon, è nei libri di storia», ha detto il consulente artistico Doug Woodham prima della vendita, osservando che la scala e la tavolozza dei colori sono spesso i fattori più importanti che influenzano la performance di un classico dipinto di Rothko all'asta. «Le persone sono disposte a concedersi il lusso di opere belle e dai colori vivaci».

Il Giacometti, una figura sospesa con un naso allungato la cui sagoma ricorda una pistola, è stata un po' un'occasione mancata. Alcune vivaci offerte hanno spinto il prezzo fino a 68 milioni, dove si è bloccato e alla fine il bronzo è stato venduto a un cliente al telefono con lo specialista di Hong Kong Yonnie Fu. Con le commissioni, il prezzo è arrivato a 78,3 milioni di dollari.

Nella notte ci sono stati anche risultati imprevisti. Ad esempio, il sublime dipinto «Untitled #44» (1974), una composizione di strisce alternate di azzurro e rosso di Agnes Martin (una delle sole due artiste presenti nella vendita, che rappresentano tre dei 35 lotti), ha rapidamente superato la sua stima massima di 8 milioni di dollari, finendo poi per essere venduto a 17,7 milioni a un altro cliente in linea con Wong. Questo risultato rappresenta un aumento di quasi due terzi rispetto al precedente record d'asta di Martin di 10,6 milioni di dollari, fissato a una vendita di Christie's nel 2016.

«Number 17, 1951» (1951) di Jackson Pollock, una sinfonia di vernice nera gocciolante e accumulata, ha anch'essa superato la sua stima massima (35 milioni di dollari) e, dopo una guerra di nove minuti tra quattro offerenti, è stata venduta a un collezionista in linea con il capo dell'arte contemporanea di Sotheby Grégoire Billault per 61,1 milioni. Più tardi, lo stesso offerente si è aggiudicato un imponente Rudolf Stingel per 2,8 milioni.

Il risultato di Pollock ha stabilito un nuovo punto di riferimento all'asta per il lavoro dell'espressionista astratto, superando la vendita di «Number 19» (1948) per 58,3 milioni di dollari a una vendita di Christie's nel 2013 (privatamente, le sue opere sono note per essere scambiate per molto di più, in particolare quando nel 2016 David Geffen ha venduto la tela «Number 17A» del 1948 a Ken Griffin per un prezzo dichiarato di 200 milioni di dollari).

La concorrenza è stata agguerrita per i primi due terzi della vendita. Ma dopo una lunga guerra di offerte per il grande «Abstraktes Bild» (1993) di Gerhard Richter che ha spinto il suo prezzo vicino alla sua stima di 30 milioni (è stato venduto per 33 milioni), i lotti hanno iniziato a muoversi più rapidamente. «Alcuni di noi hanno in programma una cena: stasera è il compleanno di mia moglie!» ha detto Barker mentre la vendita stava entrando nella terza ora. Tuttavia, è scoppiata una gara per il lotto finale della vendita, un dipinto di Mark Grotjahn rosso brillante del 2002 che ha superato la sua stima massima di 3 milioni per essere venduto a 5,6.

L'incasso totale della vendita di 676,1 milioni di dollari ha segnato, secondo Sotheby's, il risultato più alto di sempre per una vendita di un singolo proprietario presso qualsiasi casa d'aste, un conteggio promettente considerando che verrà offerto un secondo gruppo di opere della collezione Macklowe il 15 maggio 2022.

«C'è stato un occhio davvero attento nella formazione della collezione, ha affermato l'art advisor Beverly Schreiber Jacoby. L'approccio dei collezionisti è quello di acquisire tutti i quadri giusti di tutti gli artisti giusti di tutti gli anni giusti, e sono eccezionalmente belli». Il risultato di stasera suggerisce che il mercato è d'accordo. Anche Linda e Harry Macklowe, che ora non vanno più molto d'accordo, devono essere entrambi contenti.

Leggi anche: 
Asta Macklowe: ma il XX secolo piace ancora?
Sotheby’s vince la guerra dei Macklowe

© Riproduzione riservata «Abstraktes Bild» (1993) di Gerhard Richter venduto per 33.010.500 di dollari (stima 20-30 milioni) @ Sotheby's «Sixteen Jackies» (1964) di Andy Warhol venduto per 33.872.250 di dollari (stima 15-20 milioni) @ Sotheby's