Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

Il Veronese fatto a pezzi dai colpi di baionetta

Il telero della «Cena di san Gregorio Magno» è la prima di 180 opere della 19ma edizione di «Restituzioni», di Intesa Sanpaolo

«Cena di San Gregorio Magno», di Paolo Veronese (particolare)

Vicenza. 30 anni e oltre 1.300 opere d’arte e reperti archeologici: dal 1989 «Restituzioni» di Intesa Sanpaolo invita Soprintendenze e realtà museali ed ecclesiastiche a segnalare i beni più bisognosi di restauro, selezionandone una rosa, finanziandone il recupero e promuovendone conoscenza e valorizzazione.

Un programma con una cadenza biennale coronato da una mostra conclusiva (quella per la XVIII edizione, nel 2018, è stata allestita nella Reggia di Venaria) prima di ricontestualizzare i beni nelle sedi di appartenenza. Ora è in fase di avvio la XIX edizione che interesserà il restauro di oltre 180 opere dall’antichità al contemporaneo provenienti da musei, chiese e siti archeologici.

Al coinvolgimento di tutte le regioni italiane si verrà ad aggiunere anche un’opera del museo parigino Jacquemart-André: «Teseo riceve l’ambasciata di Ippolita, regina delle Amazzoni» (1500-05 ca) di Vittore Carpaccio.

La mostra conclusiva è in programma per la primavera del 2021 e, secondo le anticipazioni di Michele Coppola, responsabile della Direzione Centrale Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo, potrebbe svolgersi a Napoli. Intanto a dare il via a questo XIX capitolo è l’intervento sul grande telero del Veronese con la «Cena di san Gregorio Magno» (1572) realizzato per il refettorio del Santuario Santa Maria di Monte Berico a Vicenza, dove si trova tutt’oggi.

L’opera, dai trascorsi travagliati, conobbe trasferimenti temporanei e diversi restauri (nel 1848, durante i moti per l’indipendenza, venne addirittura lacerata in 32 pezzi a colpi di baionetta dai soldati austriaci e poi restaurata a Venezia a spese dello stesso imperatore d’Austria Francesco Giuseppe). Diffuse appaiono le abrasioni di colore concentrate soprattutto nel cielo dello sfondo.

A settembre inizierà la fase operativa insieme a ulteriori indagini radiografiche e spettrografiche, che consentiranno di ricostruire ripensamenti e ridipinture successive da conservare o, nell’eventualità, da rimuovere.

Veronica Rodenigo, da Il Giornale dell'Arte numero 400, settembre 2019


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012