Il lato radicale e combattente del ricamo

Gareth Harris |  | Beirut

La prima mostra satellite del Museo Palestinese, presso lo spazio espositivo Dar El-Nimer for Arts and Culture, rivela l’aspetto militante della moda in Palestina dopo il 1948

«At the Seams: a Political History of Palestinian Embroidery» (25 maggio-30 luglio) «esplora come gli abiti ricamati abbiano avuto un ruolo nel movimento di resistenza palestinese», ci ha spiegato la curatrice Rachel Dedman. La Samed (il braccio finanziario della Olp-Organizzazione per la liberazione della Palestina, Ndr), organizza laboratori di ricamo dal 1969, e in bollettini pubblici definiva i partecipanti come “combattenti politici”. Queste donne erano “militanti armate di ago e filo” e hanno creato prodotti che hanno contribuito alla nascente economia del futuro Stato palestinese», ha aggiunto.

La mostra comprende più di 50 capi di vestiario e videointerviste con ricamatori e ricamatrici che lavorano in Libano, Palestina e Giordania.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Gareth Harris