Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Antiquari

Fuori i mercanti dal tempio di Tefaf

Come a New York, anche a Maastricht il vetting sarà precluso ad antiquari e case d’asta

Lo stand della David Koetser Gallery alla scorsa edizione di Tefaf Maastricht

Maastricht. Il Tefaf sta rivedendo la politica del suo comitato di vetting, escludendo i mercanti d’arte e le case d’asta. Le due fiere newyorkesi (Tefaf New York Spring e Tefaf New York Fall) sono sempre state controllate solamente da curatori, studiosi e accademici, mentre Tefaf Maastricht finora ha fatto ricorso anche a specialisti del settore per esaminare le opere.

«Lo scopo è di adottare una politica uniforme in tutte le fiere», ha dichiarato una portavoce di Tefaf. L’elenco finale del comitato di vetting per Tefaf Maastricht sarà completato a metà dicembre, ma per ora l’invito è stato esteso solo a studiosi, accademici, personale di musei, restauratori e conservatori.

Nanne Dekking, presidente del cda di Tefaf, ha affermato che la fiera «dirà addio a un certo numero di consulenti che hanno servito fedelmente l’organizzazione per molti anni». Tra questi, James Roundell, un direttore della galleria Dickinson, Robert Bowman di Bowman Sculpture e il mercante tedesco Daniel Blau.

In «casi eccezionali» i professionisti potranno ancora essere chiamati per una consulenza, «quando non sarà possibile averla al di fuori dell’ambito commerciale, ha aggiunto la portavoce. In alcuni settori è utile poter contare sull’expertise dei mercanti. L’idea è che possano essere una risorsa a cui rivolgersi se necessario. La decisione spetterà al vetting».

Tuttavia, i mercanti eventualmente coinvolti non avranno diritto di voto e non faranno quindi parte di nessun comitato. «Avranno un ruolo influente, ma spetterà al presidente del vetting prendere le decisioni», ha affermato la portavoce. Nel 2017, quando Dekking è entrato a far parte della fiera, Tefaf Maastricht è stata danneggiata dal fatto che quattro gallerie presenti in fiera erano coinvolte in casi legali riguardanti falsi e copie apparentemente venduti altrove.

Una gran parte del processo di vetting consiste nel controllo dell’autenticità ma la portavoce ha ribadito che i cambiamenti nella politica della fiera non hanno a che fare con nessun caso legale particolare. Il mercante parigino di arte tribale Anthony Meyer, che faceva parte del comitato ma è stato cancellato anni fa nell’ottica della «preattuazione di queste nuove politiche», ha opinioni contrastanti sulla nuova procedura.

«Avere un vetting non commerciale è la soluzione ideale in rapporto a questioni come l’influenza, la competizione, la proprietà comune non rivelata delle opere, ha dichiarato. Tuttavia è un’utopia pensare che gli studiosi sappiano più di chi è addetto ai lavori. I mercanti di solito hanno una visione più ampia e vedono molte più opere e diverse tra loro rispetto alla maggior parte degli accademici. I mercanti sono in sintonia con il mercato e comprendono i sistemi e i metodi dei falsi e dell’eccessivo restauro».

Anny Shaw, da Il Giornale dell'Arte numero 392, dicembre 2018


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012