Facilitator non porta pene

Franco Fanelli |

Nell’ormai stucchevole gara sul tema «chi è il più antipolitico del Paese», Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, non ha perso l’occasione di segnare un punto sul concorrente Beppe Grillo. Quando l’ex comico, per far strada nell’Europarlamento, ha cercato di intraprendere un’inopinata capriola europeista, mollando l’euroscettico Assange e tentando di agganciarsi al suo contrario, cioè al gruppo Alde (che neanche tanto cortesemente ha respinto la richiesta) il padano con la t-shirt ha commentato: «I 5 Stelle sono passati dalle barricate alle poltrone».

Chi è finito se non sopra di certo in mezzo alle poltrone sono molti writer e street-artist, i diurni ma più spesso notturni grafomani urbani e/o pittori neomuralisti. Lasciamo stare i Banksy, e anche i Jr o gli MR. entrati nella scuderia dorata di Perrotin; per quelli che, pur stanchi di acrobatici backjump e di sanguinose
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli