Boltanski lascia la Russia

Gli eredi dell’artista scomparso lo scorso luglio cancellano la retrospettiva a San Pietroburgo. È solo l’ultima di una lunga serie di mostre mai inaugurate

Christian Boltanski
Sophia Kishkovsky |

«Christian Boltanski non avrebbe accettato di esporre in un Paese che sta invadendo militarmente la patria di suo padre», spiegano gli eredi dell’artista, spentosi lo scorso luglio a 76 anni, dopo la cancellazione della sua mostra a San Pietroburgo.

La personale russa del compianto artista francese, intitolata «Esprits», cui lui stesso aveva collaborato, è stata rinviata a tempo indeterminato dopo l’invasione russa in Ucraina. L’apertura era prevista per il 14 marzo presso la Manege Central Exhibition Hall di San Pietroburgo, gli eredi di Boltanksi hanno però deciso di annullare la mostra e di rispedire le opere in Francia.

Boltanski discendeva da una famiglia di immigrati ebrei di Odessa, città ucraina affacciata sul Mar Nero (la terza per grandezza), che si sta preparando per l’imminente attacco delle forze russe. «Boltanski non avrebbe accettato di presentare la mostra in questo contesto», hanno affermato i suoi rappresentanti in una dichiarazione condivisa dal Manege. I suoi genitori ebreo-ucraini erano fuggita dai nazisti.

«Era attaccato alle sue radici e sarebbe stato colpito da questo conflitto che tocca anche la sua storia biografica. Esporre in un Paese che sta invadendo militarmente la patria del padre sarebbe in contraddizione con il suo pensiero, la sua filosofia e le sue opere».

La mostra avrebbe dovuto includere opere degli ultimi 15 anni, comprese grandi installazioni, video e sculture, accanto a lavori più recenti ispirati e alla storia russa, in particolare alla domenica di sangue russa (22 gennaio 1905), quando la guardia imperiale aprì il fuoco su una pacifica manifestazione operaia legata alla guerra russo-giapponese, aprendo la strada alla rivoluzione bolscevica del 1917.

«Secondo i suoi appunti, Boltanski stava pensando alle anime dei lavoratori ribelli che vagavano per lo spazio di Manege, in attesa di essere spediti in paradiso o all’inferno», era scritto in un comunicato stampa della mostra a gennaio.

I Musei russi sono sempre più isolati
«Esprits» è solo l’ultima di una serie di mostre organizzate in Russia in collaborazione con istituzioni occidentali a essere stata cancellata. I Musei del Cremlino hanno recentemente dovuto annullare una grande mostra sul duello, la cui inaugurazione era prevista per la scorsa settimana.

Anche se le relazioni con l’Occidente si sono deteriorate negli ultimi anni, i Musei del Cremlino si sono spesi per organizzare mostre con prestiti di istituzioni straniere. Una dozzina di musei europei, tra cui Louvre, Prado e Royal Collection del Regno Unito avevano in programma di inviare opere al Cremlino per la mostra sul duello.

«Le cose stanno cambiando così rapidamente che non siamo pronti a commentare ora, ma speriamo in buone notizie per il futuro», riferisce una portavoce dei Musei del Cremlino.

Nelle ultime due settimane, Hermitage Amsterdam e Hermitage Uk Foundation hanno rotto i legami con il museo russo, la mostra di Amsterdam «Russian Avant-Garde: Revolution in the Arts»ha chiuso prima del previsto, «una decisione congiunta, commentata il museo russo, a causa del grado di pressione senza precedenti che i nostri colleghi dell’Hermitage-Amsterdam Exhibition Center incontrano per la situazione politica in corso».

Marina Loshak, direttrice del Museo statale di belle arti Pushkin di Mosca, la cui figlia e nipote sono giornalisti dell’opposizione, ha detto la scorsa settimana a «Interfax» che la mostra «Il calderone dell’alchimista» prevista per il 15 marzo è stata posticipata poiché gli «artisti stranieri non sono in grado di fornire le opere in questo momento». Ha aggiunto che la mostra sulla comprensione filosofica e metafisica della visione e della cecità «è più attuale che mai» e che il lavoro su di essa continuerà con partner stranieri.

Al momento, i musei internazionali non hanno cancellato i loro progetti congiunti con il Pushkin: «Continuiamo a ricevere un numero enorme di lettere di sostegno dai nostri colleghi stranieri in questo periodo difficile per la cultura russa».

Guerra Russia-Ucraina 2022

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Sophia Kishkovsky