Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Aste

Arte povera ricca

Uno sguardo all'arte italiana nel catalogo di contemporaneo del 6 marzo di Bonhams

«Untitled» di Kounellis del 1989. © Bonhams

Londra. Tra i 47 lotti che Bonhams propone nell’asta di arte contemporanea del 6 marzo figurano lavori di alcuni degli artisti più rappresentativi dell’Arte povera. Con una stima di 120-170mila euro e un albero genealogico che vanta l’originaria provenienza dalla galleria napoletana di Lucio Amelio, guida il gruppo un «Untitled» di Kounellis del 1989, composto da una lastra di metallo alla quale è ancorata, tramite una corda, una vecchia macchina da cucire.

L’attenzione per il concetto di trasformazione caro a un altro dei padri del movimento, Pier Paolo Calzolari, è esemplificato da «Galata» del 1989 (stima 46-69mila; uno di due esemplari), nel quale chicchi di caffè macinati vengono diluiti, portati a ebollizione, convertiti in gas e condensati sulle pieghe di un foglio di rame. In asta anche un suo lavoro del 1990 (17-23mila) realizzato con sale, ferro e un gheriglio di noce.

Di Alighiero Boetti è inclusa la tecnica mista intitolata «curiosamente per la curiel (extra strong)» del 1990 (5.200-7.500 euro). Chiudono la lista dei lotti, guidati da una tela del 2004 di Christopher Wool (920mila-1,4 milioni), gioielli d’artista di Arnaldo e Giò Pomodoro, Carla Accardi e Pietro Consagra.

Cristina Valota, da Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012