Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

A Lione il panneggio dal Rinascimento ad oggi

Opere di Dürer, Michelangelo, Le Brun, Ingres, Moreau, Léger e Severini

Degas, «Studio di drappeggio», 1861 ca. © RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Michel Urtado

Lione. Il Musée des Beaux-Arts ha costruito una mostra sul panneggio nell’arte dal Rinascimento ad oggi a partire da un disegno della sua collezione: uno studio di Albrecht Dürer (1471-1528) realizzato la pala d’altare raffigurante l’Assunzione e il Coronamento della Vergine commissionatagli per la Chiesa dei dominicani di Norimberga.

È lo studio del panneggio del manto della Vergine ed è una delle rare testimonianze di quel dipinto andato distrutto nel Settecento durante un incendio. Intorno a questo disegno è nata la mostra «Drapé, da Michelangelo a Cattelan», che si tiene dal 30 novembre all’8 marzo ed è curata da Sylvie Ramond, direttrice del polo museale di Lione, e dal conservatore Éric Pagliano.

In mostra anche uno studio di Michelangelo per la Cappella Sistina del British Museum di Londra e uno studio a sanguigna di donna e panneggio di Charles Le Brun del Louvre.

Il disegno, che avvicina al gesto dell’artista, ci fa poi entrare negli atelier di Ingres, Moreau e Poussin. Férnand Léger e Gino Severini hanno continuato a lavorare sul motivo del drappeggio che continua ad affascinare gli artisti di oggi, anche se il disegno è stato superato da tecniche nuove. E così che il panneggio persiste ancora come eredità senza tempo in Ernest Pignon-Ernest e Maurizio Cattelan.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 402, novembre 2019



GDA Abbonamenti 2020




GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012