18 anni di Italian Sales

Le Italian Sales sono maggiorenni, o quasi: partite a cavallo degli anni 1999-2000 hanno celebrato quest’autunno 18 edizioni per Sotheby’s e 16 per Christie’s e sono diventate un classico

Michela Moro |  | Londra

In questi anni hanno contribuito in modo esponenziale alla diffusione dell’arte italiana contemporanea, e di conseguenza all’aumento di valore delle opere. In entrambe le case d’asta si è seguito un filo, un pensiero, un sistema che permettesse a collezionisti e compratori di avvicinarsi ai nostri artisti con competenza sempre maggiore, tanto che il segnale più evidente che emerge è che gli acquirenti vogliono solo il meglio, e che, per fortuna degli artisti, le opere massime non sono sempre disponibili, o almeno non sempre lo sono i classici più classici; per intenderci meno «Fine di Dio» di Fontana e tele grinzate per Manzoni.

Detto questo, in entrambe le sessioni sono stati offerti pezzi di altissimo livello combattuti in sala, ai telefoni e anche online. Sotheby’s ha offerto un catalogo compatto con 46 lotti, di cui 39 venduti, e forse il risultato finale di 25.786.681 euro ha premiato
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Michela Moro