Image

Isabella Gherardi, «Nijima», 2020. Cortesia Die Mauer

Image

Isabella Gherardi, «Nijima», 2020. Cortesia Die Mauer

The Phair fa tendenza senza seguire le mode

Il Padiglione 3 di Torino Esposizioni progettato da Sottsass, Biscaretti di Ruffia e Nervi ospita 50 gallerie tornate in fiera

Image

Jenny Dogliani

Leggi i suoi articoli

Sarà The Phair la prima fiera in epoca Covid. Appuntamento dal 18 al 20 giugno (inaugurazione il 17) nel Padiglione 3 di Torino Esposizioni, l’ex centro fieristico progettato nel 1938 da Ettore Sottsass, ricostruito e ampliato nel dopoguera da Roberto Biscaretti di Ruffia e Pier Luigi Nervi. Quattromila metri quadrati caratterizzati da un’imponente volta a vela nervata ospiteranno una cinquantina di gallerie italiane, italiane che lavorano all’estero o straniere che lavorano in Italia.

«Un inno all’italianità già nelle intenzioni pre Covid», spiega il direttore e ideatore della manifestazione Roberto Casiraghi, che aggiunge: «Non è una fiera di fotografia, ce ne sono già di prestigiose, è una fiera che riguarda l’immagine. Le gallerie portano gli artisti che lavorano anche con la fotografia, ma che non sono necessariamente solo fotografi».

Ciascun espositore avrà a disposizione un solo stand di 24 metri quadrati, nel quale realizzare una piccola mostra curata: «Abbiamo tolto alla radice le manifestazioni di muscolarità che si vedono nelle grandi fiere, dove ci sono gallerie con stand enormi e accanto altre con stand minuscoli. Cosa che nel pubblico ingenera anche inconsapevolmente l’idea che nella galleria con lo stand grande ci siano opere molto importanti e in quella con lo stand piccolo ci siano opere meno importanti», prosegue Casiraghi.

Nella seconda edizione (la prima si è tenuta nel 2019 nell’ex Borsa Valori) ci saranno un 20% in più di gallerie e tantissime riconferme tra cui i torinesi Peola Simondi, Photo & Contemporary, In Arco, Mazzoleni, a Massimo De Carlo (Milano, Londra), Alfonso Artiaco (Napoli) e Repetto (Londra), Rossi&Rossi (Londra e Hong Kong), solo per citarne alcuni.

Tante piccole mostre, dunque, per una fiera di tendenza che non segue le mode: «È difficile che ci siano da noi due progetti sui medesimi artisti. Vogliamo evitare che l’artista di turno agli onori del mercato compaia in tutti gli stand», spiega Casiraghi. The Phair, che in condizioni normali si sarebbe svolta tra la terza e la quarta settimana di maggio, è il centro gravitazionale della seconda settimana torinese dell’arte contemporanea, dopo quella autunnale legata ad Artissima.

Per questo la manifestazione conta sul sostegno di Comune,  Fondazione Crt, Camera di Commercio, Fondazione Sandretto e di tutto il sistema dell’arte contemporanea torinese. Domenica 20 giugno Patrizia Sandretto ospiterà a Guarene un consistente gruppo di collezionisti invitati con il sostegno della Camera di Commercio.

Ci saranno inoltre una grande campagna pubblicitaria e un servizio navetta (nel rispetto delle norme Covid) per collegare nei giorni della fiera e nella notte bianca del sabato (coprifuoco permettendo) tutte le attività e istituzioni che parteciperanno alla settimana dell’arte: Camera, Fondazione Sandretto, Castello di Rivoli, Gam, le gallerie e tanti altri ancora.

Isabella Gherardi, «Nijima», 2020. Cortesia Die Mauer

Jenny Dogliani, 17 giugno 2021 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

189 gallerie, straniere per la maggior parte, provenienti da 34 Paesi e quattro continenti. 37 prime partecipazioni e 66 progetti monografici, dislocati nelle consuete sezioni. E anche 11 premi, uno al suo debutto. Ecco i primi numeri della 31ma Artissima, la terza diretta da Luigi Fassi, presentata oggi all’NH Collection Hotel Piazza Carlina a Torino. Una fiera sofisticata, capace di fare ricerca, di approfondire e di scommettere su singole pratiche artistiche e su scenari emergenti per coniugare, attraverso il contenuto, cultura e mercato

Nell’Heydar Aliyev Center, progettato nel 2012 a Baku, in Azerbaijan, da Zaha Hadid per trasformare il Paese in un punto di riferimento per la grande arte contemporanea internazionale, la prima mostra dedicata a uno scultore italiano, con 39 opere delle quali 19 inedite e site specific

Prosegue il programma in 13 tappe intitolato «Dalle sculture nella città all’arte delle comunità», curato da Marcello Smarelli per Pesaro 2024 e ispirato alla storica mostra «Sculture nella città», con la quale Arnaldo Pomodoro ha ridisegnato Pesaro grazie alle sue monumentali scultura dislocate nelle vie del centro storico. Un progetto che ora si evolve coinvolgendo artisti e cittadini in un’unica grande visione collettiva

Centoventi props (oggetti di scena originali) al Museo Nazionale del Cinema di Torino, dalla spada laser di Luke Sky Walker alla scopa di Harry Potter, al cappello di Jack Sparrow, all’unico esemplare completo esistente del costume di Superman indossato da Christopher Reeve nel 1977. Il direttore Domenico De Gaetano spalanca le porte della fabbrica dei sogni, mentre ci racconta la storia del cinema e quella del collezionismo di cimeli, venerati come moderne reliquie, pagati e assicurati come opere d’arte d’inestimabile valore

The Phair fa tendenza senza seguire le mode | Jenny Dogliani

The Phair fa tendenza senza seguire le mode | Jenny Dogliani