Collezionisti e valore dell’arte in Italia – 2024, il terzo volume della collana editoriale promossa da Intesa Sanpaolo Private Banking

Image

Collezionisti e valore dell’arte in Italia – 2024, il terzo volume della collana editoriale promossa da Intesa Sanpaolo Private Banking

Il ritratto dei collezionisti italiani secondo Intesa Sanpaolo

Il 27 marzo sarà presentata online la nuova pubblicazione sul mercato e il valore dell’arte in Italia

Image

Elena Correggia

Leggi i suoi articoli

Chi sono e cosa desiderano i collezionisti italiani? Quanto tempo e risorse dedicano a questa passione? Quanto pesano le ragioni economiche e quelle emotive che li inducono a collezionare? A queste e ad altre domande risponde Collezionisti e valore dell’arte in Italia – 2024, il terzo volume della collana editoriale promossa da Intesa Sanpaolo Private Banking, in collaborazione con la Direzione Arte, Cultura e Beni storici e la Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Il ritratto di chi colleziona arte in Italia è il frutto di un’indagine realizzata anche quest’anno in collaborazione con Artissima. Ai 6.398 possessori della Vip Card della fiera è stato proposto un questionario di 28 domande. L’analisi  quantitativa svolta, che ha raccolto le risposte di 280 soggetti, rappresenta un risultato rappresentativo, che si posiziona al primo posto in Italia e al secondo in Europa per ampiezza del campione.

Dall’indagine emerge che i collezionisti sono per il 40% donne, mentre il 58% uomini, in calo rispetto alle prime edizioni della ricerca in cui superavano il 60% del campione (il 2% preferisce non dare indicazioni), mentre l’età prevalente (il 30%) rientra nella fascia fra i 50 e i 59 anni, seguita dai 60-69enni (22%) e 40-49enni (15%). Gli under 39 (12%) sono in forte crescita, del 100%, rispetto alla scorsa edizione.

Quanto alla natura della collezione, l’89% acquista dipinti, il 62% fotografie, il 54% disegni e opere su carta, il 53% sculture, il 20% installazioni, il 14% videoarte, mentre una quota del 3% raccoglie anche Nft e arte digitale. Sul valore complessivo della collezione ha risposto il 69% del campione: il 29% delle raccolte ha un valore inferiore a 100mila euro, il 27% è compreso fra 100mila e 1 milione e il 14% è superiore al milione.

Fra gli artisti più quotati predominano Alighiero Boetti, Lucio Fontana e Michelangelo Pistoletto: nel 42% dei casi le raccolte sono costituite prevalentemente da artisti nazionali e solo nel 7% vengono collezionati solo artisti internazionali. Musei e istituzioni culturali, seguiti dai galleristi rappresentano le fonti informative ritenute più importanti e attendibili, ma cresce rispetto al passato il ruolo diretto degli artisti e delle studio visit. Le sedi fisiche delle gallerie e le fiere di settore, seguite dai contatti diretti con gli artisti, sono i canali di acquisto più utilizzati. Inoltre, la maggioranza dei collezionisti (il 59%) provvede autonomamente a gestire la collezione e solo il 6% si avvale di un consulente professionista o di servizi di art advisory.

Oltre alle opere d’arte in senso stretto, è interessante notare come 88 su 280 intervistati collezionino anche arredi o oggetti di design del XX o XXI secolo. Il design rappresenta però una quota  inferiore al 30% rispetto al totale dei beni in collezione e la spesa media annuale nel settore è inferiore a 50mila euro per la maggioranza dei collezionisti. Solo il 4% dei collezionisti dichiara inoltre di possedere beni artistici vincolati, oggetto di notifica, di cui il 33% con vincolo di collezione e il 67% con vincolo relativo a singoli beni.

Il collezionismo di oggetti e arredi di design e la valutazione delle opere d’arte vincolate dallo Stato italiano sono poi al centro di un ulteriore approfondimento. Il volume ripercorre infatti la storia del mercato del design, un settore che, seppur giovane, appare in costante crescita. Un altro capitolo affronta invece il tema della «notifica», gli ultimi aggiornamenti normativi in materia, i limiti alla circolazione fuori dal territorio nazionale e le ripercussioni sulle quotazioni di un bene vincolato.

Completano il testo un capitolo di analisi sull’andamento del mercato dell’arte internazionale e italiano nel 2023 e sulle prospettive per il 2024 e un aggiornamento sulle collezioni di Intesa Sanpaolo, tra nuove acquisizioni ed esposizioni al pubblico. Il nuovo volume, pubblicato da Edizioni Gallerie d’Italia-Skira, verrà presentato con un evento online, in streaming, mercoledì 27 marzo alle 11.30, sul sito del Gruppo, https://group.intesasanpaolo.com/it/, e su www.ansa.it.

Collezionisti e valore dell’arte in Italia – 2024, il terzo volume della collana editoriale promossa da Intesa Sanpaolo Private Banking

Elena Correggia, 27 marzo 2024 | © Riproduzione riservata

Articoli precedenti

Dei 630 lotti complessivi dell’asta di manifesti della casa torinese, i 170 più importanti saranno battuti in sala il 16 aprile, gli altri verranno messi all’incanto online il giorno dopo

Luca Campigotto espone le sue fotografie «Industrials» da Farsetti

Sabrina Bianchi racconta le strategie che la Banca Bper ha voluto mettere in atto creando nel 2017 la propria Galleria estesa a ogni città in cui opera

Gli scatti senza veli di artisti storici e contemporanei nell’asta tematica in programma a Milano il 14 marzo

Il ritratto dei collezionisti italiani secondo Intesa Sanpaolo | Elena Correggia

Il ritratto dei collezionisti italiani secondo Intesa Sanpaolo | Elena Correggia