Image

Patio del Palau Berenguer d’Aguilar a Barcellona. Foto Miquel Coll Molas

Image

Patio del Palau Berenguer d’Aguilar a Barcellona. Foto Miquel Coll Molas

Facciate restaurate per il Museu Picasso

Concluso con successo l’intervento all’edificio medievale, senza interrompere l’afflusso di visitatori e con il ripristino di alcune finestre rinascimentali murate in passato

Roberta Bosco

Leggi i suoi articoli

Il Museu Picasso occupa cinque palazzi medievali nella calle Montcada nel cuore del quartiere del Born: il Palau Berenguer d’Aguilar, il più antico, costruito tra il XII e XIV secolo, e i palazzi Baró de Castellet, Meca, Mauri e Finestres, l’ultimo a essere incorporato.

Nel 2016 uno studio evidenziò la necessità di restauro dei muri esterni e portò alla decisione di collocare una rete protettiva intorno al museo, di modo che la possibile caduta di frammenti di pietra non mettesse in pericolo il gran numero di persone che percorrono le viuzze del Born. I lavori, iniziati a ottobre 2022, si sono conclusi in luglio. A differenza degli interventi precedenti, la caratteristica principale del restauro conservativo appena concluso è l’assoluto rispetto degli elementi originari e il loro mantenimento senza aggiunte che snaturassero la muratura originale.

«Le facciate presentavano accumuli di sporcizia e polvere, soprattutto nelle zone sotto il cornicione e al piano terra. Per la pulizia sono stati utilizzati prodotti che, oltre a garantire reversibilità e stabilità, sono ecologici», ha spiegato Rosa María Sánchez Rodríguez, responsabile dell’edificio, sottolineando che gli interventi sono stati diversi a seconda dello stato di conservazione delle murature.

«Le facciate Meca, Mauri e Finestres sono state consolidate mantenendo le malte di nastratura; sulla facciata Castellet è stato ripristinato lo stucco e aggiunto il cordolo superiore; sulla facciata Aguilar è stato ricostruito il cordolo», continua Sánchez Rodríguez ricordando che l’anomalia più importante consisteva nelle numerose crepe e fessure, alcune delle quali molto significative.

L’intervento ha inoltre permesso di recuperare vecchie aperture che erano state murate, tra cui le tre finestre rinascimentali al piano terra del Palau Aguilar, realizzate in pietra di Montjuïc con ornamentazioni molto ricche e tracce di policromia. «La patologia più caratteristica degli elementi lapidei, le cosiddette croste nere, è stata rimossa con la tecnologia laser, che elimina la sporcizia rispettando la patina antica della pietra originale».

Ripristinate anche due finestre poste al livello superiore della Sala neoclassica del palazzo Baró de Castellet, dotate di un meccanismo unico con guide in ferro e un cancello scorrevole a ghigliottina per oscurare la stanza.

«Per tutta la durata del cantiere il museo è rimasto aperto, ma durante l’allestimento di alcune mostre è stato necessario interrompere i lavori a causa delle vibrazioni che avrebbero potuto causare danni alle opere appese alle pareti. Sebbene i restauratori operassero, a seconda della durezza del materiale, con piccoli utensili meccanici, per sicurezza il direttore Emmanuel Guigon ha preferito rimuovere le opere esposte al primo piano e chiudere alcune sale durante l’esecuzione dei lavori, anche perché l’ubicazione del museo in una zona del centro storico con strade strette e pedonali ha reso impossibile collocaremateriali e strumenti sulla pubblica via, obbligandoci ad adibire uno spazio all’interno del museo», conclude Sánchez Rodríguez.

Patio del Palau Berenguer d’Aguilar a Barcellona. Foto Miquel Coll Molas

Roberta Bosco, 26 settembre 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Un collezionista privato presta al museo di Madrid l’«Ecce Homo» che, dopo essere stato proposto in vendita come cerchia di Ribera, era stato riconosciuto come capolavoro del Maestro italiano

 

Il primo e unico direttore, Juan Ignacio Vidarte, si dimette dopo 32 anni alla guida del museo dei Paesi Baschi

A un secolo dalla sua nascita, lo scultore basco è ricordato da un’esaustiva retrospettiva nella sede iberica di Hauser & Wirth

Carlos Casas ha creato un’installazione ipnagogica che s’interroga sulla relazione tra l’uomo e gli animali e invita ad ascoltarli e capirli da una nuova prospettiva

Facciate restaurate per il Museu Picasso | Roberta Bosco

Facciate restaurate per il Museu Picasso | Roberta Bosco