Image

«Ritratto di Antoine Laurent e Marie-Anne Lavoisier» (1788) di Jacques-Louis David e i suoi esiti riflettografici

Image

«Ritratto di Antoine Laurent e Marie-Anne Lavoisier» (1788) di Jacques-Louis David e i suoi esiti riflettografici

Concluse le analisi sul duplice ritratto di David

Il Metropolitan Museum of Art rivela gli esiti riflettografici ottenuti sulla celebre tela del pittore neoclassico

Giovanni Pellinghelli del Monticello

Leggi i suoi articoli

Il Metropolitan Museum of Art ha da poco presentato gli esiti riflettografici ottenuti sul celeberrimo ritratto di Antoine Laurent e Marie-Anne Lavoisier di Jacques-Louis David del 1788. Dopo quasi tre anni di analisi con riflessografia infrarossa non invasiva e macro-ray fluorescence mapping si è dimostrato come la prima composizione del duplice ritratto (acquistato per il Met da Charles e Jayne Wrightsman nel 1977) fosse in piena atmosfera Ancien Régime.

David vi ritrae i coniugi Antoine-Laurent de Lavoisier (1743-94) e Marie-Anne Paulze (1758-1836), ambedue provenienti da ricche e influenti famiglie, in stile molto più «versaillesque» e «à la Vigée-Lebrun», mettendo in rilievo l’opulenza della coppia alla moda, a suo agio nei lussi delle ultime stagioni del ’700 quasi più che (come nella seconda versione, riveduta e corretta sull’onda della storia) nei panni di seriosi e «bas-bleues» scienziati devoti alla Ragione e al Progresso.

Nella prima impostazione della tela, Marie-Anne è raffigurata con un enorme cappello decorato con nastri e fiori artificiali; risplende una scrivania riccamente ornata in bronzo dorato poi ricoperta da una severa tovaglia rossa e soprattutto mancano del tutto gli strumenti scientifici più recenti a testimoniare l’impegno intellettuale della coppia e a farne perdonare il passato.

Sono cambiamenti che mostrano sia l’ingegno di David nel formulare un nuovo tipo di ritratto, personale e sociale allo stesso tempo, sia il suo ruolo di artista «camaleonte», pienamente inserito nei giochi di potere dalla Rivoluzione al Direttorio, Consolato e Impero Napoleonico, epopee di cui David fu cantore pittorico trionfale istituzionale. Dipinto ed esiti delle analisi diagnostiche sono visibili in una mostra speciale fino al 31 gennaio.

«Ritratto di Antoine Laurent e Marie-Anne Lavoisier» (1788) di Jacques-Louis David e i suoi esiti riflettografici

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 31 dicembre 2021 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

I sopracamini che l’imprenditore Michelangelo Poletti si è aggiudicato nel 2022 sono esposti a Palazzo d’Accursio, dopo l’intervento di Giovanni Giannelli del Laboratorio Ottorino Nonfarmale

Le tappe del restauro dell’opera sono ora ripercorse in un volume, insieme al rapporto tra la pittrice più inneggiata del Seicento italiano e europeo e il committente Michelangelo Buonarroti il Giovane

Il libro di Adele Milozzi è un viaggio biografico tra le vite di granduchi, banchieri, cadetti e principesse, classificato un po’ impropriamente solo come «guida»

Nel Palazzo dei Diamanti l’artefice visionario di realismi impossibili in un allestimento curato da Federico Giudiceandrea e Mark Veldhuysen, presidente della Escher Foundation

Concluse le analisi sul duplice ritratto di David | Giovanni Pellinghelli del Monticello

Concluse le analisi sul duplice ritratto di David | Giovanni Pellinghelli del Monticello