Image

Jessica Carroll, «Verde pisello»

Image

Jessica Carroll, «Verde pisello»

19 artisti tra le pieghe di una casa

Image

Jenny Dogliani

Leggi i suoi articoli

Torino. Recentemente sottoposto a un progetto avanguardistico di ristrutturazione e situato nell’isola pedonale del quartiere Crocetta, l’ottocentesco Palazzo Montevecchio ospita da oggi (opening alle 18,30) al 26 maggio la mostra «Between Crinkles», curata da Ermanno Tedeschi e Caterina Avataneo. Per una settimana in tre appartamenti saranno allestite le opere di 19 artisti internazionali affermati ed emergenti: sculture, installazioni, dipinti, video e performance volti a interpretare, sotto diversi punti di vista, il concetto di vita domestica. Si va dai dipinti astratti e geometrici di Rafael Soto a quelli figurativi ed edulcorati di Enrico de Paris, dal lato oscuro delle relazioni umane analizzato da Joel Andrianomearisoa in un gioco di specchi alle performance (durante il vernissage) degli spagnoli Lolo Hjtyu Tuyuyu e Yolanda Benalba. Non mancano, inoltre, opere appositamente realizzate da Beatriz Millón, Todor Andreevski, Pietro D’Angelo, Barbara Nejrotti, Francesca Lupo e Clara Sofia Rosenberg.
Dal 20 maggio si possono prenotare visite guidate alla mostra e all'edificio telefonando al 348.0580108.

Jessica Carroll, «Verde pisello»

Jenny Dogliani, 19 maggio 2015 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

189 gallerie, straniere per la maggior parte, provenienti da 34 Paesi e quattro continenti. 37 prime partecipazioni e 66 progetti monografici, dislocati nelle consuete sezioni. E anche 11 premi, uno al suo debutto. Ecco i primi numeri della 31ma Artissima, la terza diretta da Luigi Fassi, presentata oggi all’NH Collection Hotel Piazza Carlina a Torino. Una fiera sofisticata, capace di fare ricerca, di approfondire e di scommettere su singole pratiche artistiche e su scenari emergenti per coniugare, attraverso il contenuto, cultura e mercato

Nell’Heydar Aliyev Center, progettato nel 2012 a Baku, in Azerbaijan, da Zaha Hadid per trasformare il Paese in un punto di riferimento per la grande arte contemporanea internazionale, la prima mostra dedicata a uno scultore italiano, con 39 opere delle quali 19 inedite e site specific

Prosegue il programma in 13 tappe intitolato «Dalle sculture nella città all’arte delle comunità», curato da Marcello Smarelli per Pesaro 2024 e ispirato alla storica mostra «Sculture nella città», con la quale Arnaldo Pomodoro ha ridisegnato Pesaro grazie alle sue monumentali scultura dislocate nelle vie del centro storico. Un progetto che ora si evolve coinvolgendo artisti e cittadini in un’unica grande visione collettiva

Centoventi props (oggetti di scena originali) al Museo Nazionale del Cinema di Torino, dalla spada laser di Luke Sky Walker alla scopa di Harry Potter, al cappello di Jack Sparrow, all’unico esemplare completo esistente del costume di Superman indossato da Christopher Reeve nel 1977. Il direttore Domenico De Gaetano spalanca le porte della fabbrica dei sogni, mentre ci racconta la storia del cinema e quella del collezionismo di cimeli, venerati come moderne reliquie, pagati e assicurati come opere d’arte d’inestimabile valore

19 artisti tra le pieghe di una casa | Jenny Dogliani

19 artisti tra le pieghe di una casa | Jenny Dogliani