Sotto un ritratto di Michelangelo una Madonna di Andrea del Sarto

La copertina del volume
Arianna Antoniutti |

Michelangelo e la Sistina, volume curato da Costanza Barbieri e Lucina Vattuone (atti del convegno, Università Europea di Roma, 2013), raccoglie saggi che analizzano, come dichiara il sottotitolo, il rapporto tra «arte ed esegesi biblica» sotteso agli affreschi michelangioleschi della Cappella Magna. Ciascuna complessa iconografia risponde difatti a un preciso significato teologico e dottrinale: gioachimismo, francescanesimo, neoplatonismo si fondono nel racconto per immagini intessuto da Michelangelo, nel «cui vasto clamore c’è il destino di tutti e di ognuno», come scrive Antonio Paolucci.
Maurizio Calvesi esamina la Volta nella sua profonda correlazione con gli affreschi quattrocenteschi, mentre Silvia Danesi Squarzina interpreta la loro lettura della Bibbia come «storia dell’umanità e profezia del presente». Se Heinrich W. Pfeiffer ne ricerca le molteplici fonti dottrinali, per Timothy
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Sebastiano del Piombo (attr.), «Michelangelo che mostra i suoi disegni», collezione privata, Amburgo
Altri articoli di Arianna Antoniutti