Scandalosa Messalina

Laura Giuliani |  | Milano

Bellissima, crudele e perversa, un vero e proprio concentrato di vizi. È Valeria Messalina, terza moglie dell’imperatore Claudio, morta per mano dei sicari imperiali nel 48 d.C. Così la descrivono gli autori antichi. È lei la protagonista del nuovo libro di Marisa Ranieri Panetta, archeologa e giornalista, che, dopo il suo ultimo romanzo Vesuvius, si conferma profonda conoscitrice della storia romana e dei suoi personaggi. E se in Vesuvius realtà e finzione insieme tratteggiano un affresco di vita quotidiana prima della famosa eruzione del 79 d.C., in Messalina e la Roma imperiale dei suoi tempi (238 pp., Salani Editore, Milano 2016,  15,90), l’autrice pone al centro del suo saggio la figura di questa donna, giovane, ricca e di alto lignaggio (i suoi genitori erano imparentati con Augusto).

Attraverso l’analisi delle poche tracce rimaste di lei nelle fonti antiche, la Panetta, con uno stile divulgativo e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Laura Giuliani