Poliedrico Otto

Al Mak progetti e oggetti di Prutscher, architetto e designer

Otto Prutscher, interno della farmacia «Zum goldenen Adler», 1911. © Archivio Famiglia Otto Prutscher, Milano
Flavia Foradini |  | Vienna

La galassia artistica della Vienna attorno al 1900 fu così magnificamente composita, da rendere tuttora possibili scoperte e riscoperte. Otto Prutscher (1880-1949) fu architetto, designer (fra l’altro a lungo per Thonet), consulente di aziende, curatore di mostre e pedagogo.

Firmò una cinquantina di edifici e 200 arredi e fu membro delle maggiori comunità d’artisti del periodo, fra cui la Secessione viennese e la Wiener Werkstätte. Nel 2018, dalla collezionista Hermi Schedlmayer il MAK-Museo delle arti applicate ha ricevuto una donazione di un corpus di materiali di Prutscher, comprendenti 139 fra progetti. mobili e oggetti in vetro, argento e ceramica, cosicché l’idea di una nuova mostra, a vent’anni dall’ultima ricognizione della sua produzione, era naturale.

Figlio di un falegname di mobili d’arte, Prutscher studiò alla Scuola di Arti e Mestieri di Vienna dal 1897 ed ebbe fra i suoi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Flavia Foradini
Altri articoli in MOSTRE