La Vanitas di Tiziano

Arabella Cifani |

Lo studio a cura di Lionello Puppi e Serena Baccaglini parte dall’analisi della «Vanitas» delle Collezioni del Castello di Praga e dall’«Apollo e Marsia» della Galleria del Palazzo Vescovile di Kromeriz, coinvolgendo altri celebri capolavori, come la «Flora» dei Uffizi di Firenze. Si sofferma quindi particolarmente sulla confezione del modello all’interno della bottega di Tiziano, sulla produzione delle repliche, sulla realtà della modella e inoltre sulla fortuna del pittore, con considerazioni relative all’intenzione e alle manipolazioni del suo autoritratto. Tutti temi sicuramente molto problematici e sovente elusi dalla critica storico artistica su Tiziano.

La ricerca è completata dall’illustrazione del sigillo del Maestro e dall’inedita accurata edizione critica del diploma con il quale Carlo V creava nel 1533 Tiziano conte palatino e cavaliere: due documenti conservati presso il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Arabella Cifani