La moda di (e ai tempi di) Man Ray

Fu un rivoluzionario della fotografia di settore: le conferì una dimensione sperimentale

Peggy Guggenheim in un abito di Poiret, 1924, fotografata da Man Ray (particolare). © Man Ray 2015 Trust / Adagp, Paris 2019
Luana De Micco |  | Marsiglia

Al tema Man Ray e la moda sono dedicate due mostre curate dal direttore dei Musei di Marsiglia, Xavier Rey, in collaborazione con il Grand Palais di Parigi: «Man Ray, fotografo di moda» al Musée Cantini e «La moda al tempo di Man Ray» al Musée Borély-Musée des arts décoratifs, de la faïence et de la mode, che si tengono entrambe dall’8 novembre all’8 marzo.

Man Ray (1890-1976) lasciò New York nel luglio 1921 per raggiungere Parigi e il suo amico Marcel Duchamp, che aveva invitato il dadaista americano nella capitale francese per introdurlo negli ambienti del Surrealismo di André Breton, Paul Éluard e Jacques Rigaut. A Parigi, Man Ray incontrò anche Paul Poiret, il famoso stilista «precursore» dell’Art Déco, che nel 1906 aveva già rivoluzionato la moda liberando le donne dal corsetto.

Al fianco di Poiret, Man Ray rivoluzionò a sua volta la fotografia di moda «all’epoca ancora
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Luana De Micco
Altri articoli in MOSTRE