La dolce vita anche a Milano

La spensieratezza dell'arte romana degli anni Cinquanta nelle opere di Schifano, Rotella e Fioroni in mostra da Andrea Ingenito

Mario Schifano, Senza titolo, 1979-80, smalto su tela
Jenny Dogliani |

Milano. Messi alle spalle i giorni duri della guerra, tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta Roma diventò la città della dolce vita. L’Italia era ormai una repubblica, attraversata dal boom economico e dalla voglia di divertimento. Nella sua capitale confluivano artisti, intellettuali, attori e registi, che si confrontavano seduti ai tavolini dei bar di piazza del Popolo. Così al Caffè Rosati, Mario Schifano e Giosetta Fioroni, tra gli altri, diedero vita alla Scuola di piazza del Popolo. Fu grazie a loro che, dopo una breve ma intensa esplosione dell’Informale, alla Biennale di Venezia del 1964 venne inaugurata la stagione della Pop art italiana.
A ripercorrere questo particolare periodo è la Galleria Aica-Andrea Ingenito Contemporary Art con la mostra «Fioroni, Rotella, Schifano. La dolce vita dell’arte romana» dal 20 settembre (inaugurazione ore 18,30) al 5
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Mimmo Rotella, La Dolce Vita, 1990, décollage Giosetta Fioroni, Una donna in silenzio, 1964, matita, smalti colorati, alluminio su tela
Altri articoli di Jenny Dogliani