Il Victoria and Albert taglia dipartimenti e curatori

Per il direttore Tristram Hunt l'aiuto del governo non è stato sufficiente a coprire le perdite

Anna Somers Cocks |  | Londra

Il Victoria and Albert Museum (V&A) di Londra subirà una radicale ristrutturazione in tutti i suoi dipartimenti curatoriali e di ricerca al fine di ridurre i costi di almeno 10 milioni di sterline entro il 2023, come conseguenza della crisi del coronavirus. Inoltre taglierà decine di posizioni in tutto il museo, ivi compresi alcuni dei suoi curatori, portando il numero totale di perdite di posti di lavoro da settembre 2020 a 140, su una forza lavoro totale di 980 unità.

«Padre» dei musei di arte decorativa di tutto il mondo, il V&A fu fondato nel 1852: originariamente si chiamava Museo delle Manifatture perché mirava a fornire ai produttori e agli artigiani esempi di buon design da emulare, motivo per cui le sue collezioni hanno tradizionalmente suddiviso per materiali (falegnameria, carpenteria metallica ecc.) per facilitarne la consultazione.

La revisione proposta rompe con questo approccio fondendo le collezioni europee e americane in un unico reparto, suddiviso cronologicamente: dal Medioevo fino alla fine del XVIII secolo; dal XIX secolo al 1914; e moderno e contemporaneo. Un altro dipartimento aggiungerà arte, design e performance dell’Africa subsahariana e della diaspora africana alle collezioni asiatiche.

Verranno inoltre istituiti tre dipartimenti interdisciplinari basati sul periodo per l’Europa e le Americhe, incentrati su arte, design e performance nativi digitali. «Le proposte consentiranno nuovi modi sinergici di lavorare e rafforzeranno le nostre aree di competenza nelle collezioni nazionali», aggiunge la portavoce del V&A.

Verrà creata un’unità di ricerca centralizzata unendo il V&A Research Institute, la National Art Library e gli Archivi V&A all’interno di un dipartimento ampliato che sarà più accessibile al pubblico (studiosi e ricercatori avranno la propria Sala di lettura delle collezioni speciali nella biblioteca).

Il direttore, Tristram Hunt, afferma che il museo continuerà le consultazioni con lo staff iniziate lo scorso anno. Ha detto che i tagli del 20%, circa 30 posti, provenivano probabilmente dal gruppo curatoriale e un altro 20% (circa 110) da un certo numero di dipartimenti del V&A. Una portavoce del museo afferma che i sindacati sono stati consultati.

«Non dismettiamo nessuna delle collezioni. I curatori saranno forse più tesi, ma spero che l’approccio cronologico porterà a maggiori sinergie tra di loro», dice Hunt. Aggiunge che, anche con i tagli, il V&A avrebbe comunque più curatori della Tate e del British Museum, e molti di più della maggior parte dei musei dell’Europa continentale.

Alla domanda su quali siano secondo lui le funzioni indispensabili del museo, Hunt cita la cura delle collezioni, la ricerca su di esse e un programma pubblico di educazione. «Anche le mostre però sono importanti. Sono il risvolto "pubblico" della nostra connoisseurship e ci portano finanziamenti; prima della pandemia, ad esempio, avevamo 50mila membri paganti, la maggior parte reclutati tramite mostre».

Sottolinea che le sovvenzioni governative coprivano solo il 40% dei costi di gestione annuali e che mostre, eventi, merchandising e sponsorizzazioni erano utilizzati per fornire il resto. «Il nostro crescente deficit è dovuto al fatto che nel 2020 abbiamo avuto solo un quinto dei 4 milioni di visitatori che avevamo in precedenza, mentre quest’anno potremmo forse raggiungere 1 milione».

I tagli fanno parte dei piani per coprire le perdite finanziarie subite a causa della pandemia da Covid-19. Il crollo del turismo e le esigenze di distanziamento sociale hanno causato un crollo del reddito autogenerato dei musei attraverso la riduzione delle vendite di biglietti, dei negozi e del noleggio aziendale.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anna Somers Cocks
Altri articoli in MUSEI