Giulietta acchiappaturisti

Al via un progetto pubblico-privato per le visite nella Casa di Giulietta

La camera da letto della Casa di Giulietta
Veronica Rodenigo |  | Verona

Sarà un nuovo progetto a cambiare flussi e modalità di fruizione di quella che, nell’immaginario collettivo, è riconosciuta ormai come la Casa di Giulietta, oggi parte del circuito dei Musei Civici di Verona. A fare di questo luogo un cult del mito shakespeariano fu negli anni Trenta la strategica trovata di Antonio Avena, allora direttore dei Musei Civici. Restaurando un edificio d’impianto duecentesco e costruendovi tramite assemblaggio di diverse componenti lapidee il balcone stesso, vi creò l’abitazione della sfortunata fanciulla: un sito che oggi richiama, nel solo cortile interno, circa 2 milioni di turisti all’anno e, per la Casa di Giulietta, 358.929 presenze nel 2018 per un totale di ricavi di 1,214 milioni di euro.

Per ovviare a ressa e lunghe code ora il Comune ha approvato in via preliminare un progetto di gestione integrata presentato dalla Mox Corporation Srl. Una proposta non nuova
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo