Gaudenzio a Milano

Arabella Cifani |

Il primo profilo, denso di novità, dell’ultimo tratto della carriera del grandissimo pittore e scultore Gaudenzio Ferrari (Valduggia, circa 1485- Milano, 1546). Si tratta dei risultati delle indagini, frutto di trentennali ricerche, concentrate sugli ultimi anni dell’artista, a partire dal 1533.

Gaudenzio giunge a Milano e per oltre un decennio, fino alla sua scomparsa, lavora per le élite milanesi, impiantando una bottega molto attiva della quale finalmente si incominciano a mettere a fuoco i lineamenti generali. Sono posti in risalto, attraverso approfondimenti di qualità, i numerosi committenti del pittore: dai Gallarati alla Confraternita di Santa Corona, ai Trivulzio, a  Paolo di Cannobio, allo stesso Comune di Milano.

Come e perché a Milano lo stile di Gaudenzio, prima molto umano e coinvolgente, si modifica in questo ultimo scorcio della sua esistenza? Il volume si chiude su quest’ultima
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Arabella Cifani