ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Restauro

Finalmente ricostruito il Memoriale di Auschwitz

Il restauro vero e proprio è stato eseguito da una squadra diretta da Oriana Sartiani dell’Opificio delle Pietre Dure

Presso il centro Ex3 nel quartiere Gavinana di Firenze è tornato visibile il Memoriale italiano collocato nel 1979 nel Blocco 21 del campo di Auschwitz e trasferito nel 2014 nel capoluogo toscano su proposta dell’Associazione nazionale ex deportati

Mai come in questo caso restaurare significa farsi carico non solo di un oggetto materiale, ma di tutto il suo fardello di simboli, pensieri, ricordi, angosce e speranze. Muoversi fra due estremi come la vita e la morte; nella mente, la speranza in una redenzione per il genere umano che sembrerebbe quasi inimmaginabile, a fronte della inconcepibile malvagità dei campi di sterminio.

Il Memoriale che fu installato nel blocco 21 del campo di Auschwitz nel 1979 a cura dell’Aned (Associazione nazionale ex deportati) era un prodotto della migliore intellighenzia soprattutto milanese: lo studio BBPR (fra i fondatori, Lodovico di Belgioioso, sopravvissuto alla deportazione a Mauthausen-Gusen, a differenza di Gian Luigi Banfi, altro membro fondatore morto poco prima della liberazione), il documentarista e poeta Nelo Risi (fratello del più famoso Dino) e Giordano Quattri, titolare della ditta che lo realizzò materialmente. Insieme con loro, il torinese Primo Levi, il palermitano Mario (Pupino) Samonà, autore delle ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Giorgio Bonsanti, da Il Giornale dell'Arte numero 398, giugno 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA ABBONAMENTI 2021 gif CALENDARIO MOSTRE 2021
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012