CONTINENTE ITALIA | Simone Berti

Artisti italiani, virtuosi non virtuali: le tecniche, i temi e le quotazioni di mercato dei nomi più votati dell'inchiesta

Riccardo Deni |

«Garutti ci insegnava oltre a lavorare anche a confrontarci con artisti importanti e a vivere l’arte a tutto tondo, frequentare opening e artisti coevi in modo da non terminare mai il processo del confronto, inevitabilmente ci condizionavamo. Da qui l’idea di trasferirmi a Milano insieme ad alcuni compagni come Diego Perrone, Giuseppe Gabellone, Stefania Galegati, Sarah Ciracì e Deborah Ligorio, città dove le cose accadevano. In via Fiuggi trovammo il posto perfetto, un grande spazio dove abitare e lavorare, che ben presto diventò un punto di ritrovo della comunità artistica della città e non solo; era frequentato da galleristi come Massimo De Carlo, curatori come Giacinto di Pietrantonio o artisti come Maurizio Cattelan, Gabriel Orozco, Maurizio Mercuri, Ettore Favini, Marco Boggio Sella, eccetera» (Storie dell’Arte / Simone Berti, L’arte sopra ogni cosa 19 febbraio 2018 | di Maria Chiara Valacchi).

Simone Berti nasce ad Adria nel 1966 e vive tra Berlino e Milano. Esempio dei più concreti di artista dotato di un background culturale ed esistenziale vario e per nulla canonico. Da giovane frequenta l’istituto tecnico per geometri e terminato si trasferisce a Bologna per iscriversi al DAMS, istituto che frequenta solo per breve tempo. Torna nel suo paese di origine come tecnico per un’azienda di cartellonistica pubblicitaria, per poi intraprendere nuovamente la carriera d’artista, questa volta all’Accademia delle Belle Arti di Bologna, sotto la guida di Alberto Garutti.

«È un lavoro, il mio, che prende le mosse dalla fede che nutro nei confronti dell’incertezza: la condizione dubitativa come strumento di conoscenza»: questo incipit racchiude il senso nomade del lavoro di Simone Berti, la profonda precarietà che ha contraddistinto la sua carriera artistica, sperimentando nuove forme d’equilibrio e di bilanciamento.

Un costruttore d’utopie, nelle sue opere tutto parla d’incompletezza: gli arti (sia umani sia animali) hanno bisogno di essere sostenuti e puntellati, i corpi stanno insieme grazie a giunture e protesi, le macchine funzionano spesso a vuoto e soltanto grazie a sistemi di assemblaggio che appaiono complessi, rudimentali e pericolanti.

È tutto in bilico, in un continuo senso di spaesamento, tra forme, architetture in divenire, oggetti che appaiono non-finiti, ma comunque utilizzabili, come fossero abusi edilizi rattoppati, ma anche forme totemiche che sembrano richiamare la monumentalità classica. A proposito della sua mostra presso lo «Studio Geddes – Franchetti» di Roma nel 2015, lo tesso Simone Berti dice «da sempre mi gira in testa la frase, “Avere delle cose in testa” mobili o architetture; è sempre stata una mia ossessione.

Nel tempo mi sono accorto di fotografare me stesso, con «cose» in testa, magari riprendendomi con delle architetture che si sviluppano dai miei capelli o che si fondono con il paesaggio. Unisco la mia testa a dei palazzi o a parti di paesaggio. In merito alle opere in mostra, le penso come una sorta di omaggi a mostri sacri come Gio Ponti, Cacciadominioni ecc. In qualche modo me li infilo in testa.

Nelle opere con ritratti fiamminghi, le costruzione che ho dipinto sono delle vere e proprie architetture di fantasia, che sembrano fatte di carta, di stoffa.. delle costruzioni impossibili che stanno tra la realtà e l’immaginazione.». Questo sembra il nucleo del suo lavoro creare l’architettura del suo pensiero. In questo senso, possiamo dire, l’unica opera di Simone Berti è l’intera opera di Simone Berti.

La carriera dell’artista è costellata di mostre collettive e personali internazionali, come la Whitechapel di Londra, l’ Hara Museum of Contemporary Art di Tokyo, la Fondazione Trussardi di Milano, Palazzo Grassi a Venezia nel 2008, la Gamec di Bergamo nel 2009, il Man di Nuoro nel 2013, la Fondazione Bevilacqua la Masa a Venezia e personali presso la galleria Massimo De Carlo e la Galleria Vistamare di Benedetta Spalletti con cui collabora dal 2008 nonché quella al MACRO di Roma del 2017.

Simone Berti, Adria, 1966
· Galleria Vistamare (Pescara)

CONTINENTE ITALIA
Una mappa dell'arte italiana nel 2021

0. La mappa degli esperti di Franco Fanelli
1. La mappa di Lorenzo Balbi
2. La mappa di Luca Massimo Barbero
3. La mappa di Freddy Battino
4. La mappa di Chiara Bertola
5. La mappa di Gemma de Angelis Testa
6. La mappa di Danilo Eccher
7. La mappa di Giuliano Gori
8. La mappa di Giulio di Gropello
9. La mappa di Giorgio Guglielmino
10. La mappa di Francesco Nucci
11. La mappa di Claudio e Maria Grazia Palmigiano
12. La mappa di Natalina Remotti
13. La mappa di Sergio Risaliti
14. La mappa di Stefano Sciarretta
15. La mappa di Vincenzo Trione
16. La mappa di Giorgio Verzotti
17. La mappa di Vincenzo De Bellis
18. I 135 artisti italiani su cui gli esperti scommettono
19. Rä di Martino
20. Sabrina Mezzaqui
21. Sissi
22. Giulia Cenci
23. Gianni Politi
24. Giovanni Ozzola
25. Alice Cattaneo
26. Salvatore Emblema
27. Claudio Costa
28. Stefano Arienti
29. Mario Airò
30. Chiara Camoni
31. Benni Bosetto
32. Artisti italiani, virtuosi non virtuali di Franco Fanelli
33. I Cercatori d'oro di Franco Fanelli
33. Arcangelo Sassolino
34. Gianfranco Baruchello
35. Simone Berti
36. Irma Blank
37. Monica Bonvicini
38. Ludovica Carbotta
39. Formafantasma
40. Martino Gamper

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Riccardo Deni
Altri articoli in PERSONE