Asta Bernheimer: un andamento discontinuo

Anny Shaw |  | Londra

Più di 500 pezzi d’arte e antichità dalla dinastia di mercanti Bernheimer sono finiti sotto il martelletto di Sotheby’s, con risultati contrastanti. La vendita serale del 24 novembre, che comprendeva dipinti di antichi maestri, scultura antica, stoffe e arredi, si è attestata molto al disotto delle stime da 5,2 a 7,8 milioni di euro, totalizzando 2 milioni di euro diritti sul compratore compresi. Solo 22 dei 42 lotti in offerta hanno trovato un compratore, fornendo la scarsa percentuale di venduto del 52,4%. 

«C’è una recente tendenza, particolarmente da Sotheby’s, a organizzare vendite fondamentalmente sugli stock dei mercanti, aste presentate come speciali opportunità», ha detto un anonimo mercante di arte antica al termine della serata. «Sarebbe stato meglio abbassare i prezzi e sparpagliare un po’ i lotti in varie aste. Una vendita di 40 lotti eterogenei è un suicidio». Il mercante ha notato come la
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anny Shaw