Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Restauro

A che punto siamo con Notre-Dame?

Un addetto ai lavori esamina le ultime scoperte e le tecniche di ricostruzione

Le strutture lignee del tetto sopra il coro di Notre-Dame prima dell'incendio

La strada da percorrere per il restauro di Notre-Dame è molto più chiara ora, dopo i 15 lunghi mesi di discussioni conclusesi con la decisione di ricostruire il tetto e la guglia com'erano prima dell'incendio del 15 aprile 2019 piuttosto di rischiare un gesto architettonico contemporaneo, proprio come proposto dal presidente Emmanuel Macron.

È una vittoria per i principi di conservazione codificati dalle carte internazionali Icomos e dalla World Heritage Convention, e per l'architetto capo della cattedrale, Philippe Villeneuve. Anche Eugène Viollet-le-Duc, l'architetto responsabile del principale restauro ottocentesco della cattedrale, avrebbe approvato. 160 anni fa scriveva: «L'artista deve cancellare completamente se stesso, dimenticare i suoi gusti, il suo istinto... perché l'obiettivo non è, in questo caso, fare nuova arte, ma solo sottomettersi all'arte di un'era che non c'è più».

Rimozione dei ponteggi
Il difficile processo di rimozione delle 250 tonnellate dei ponteggi in acciaio semifuso, che erano stati eretti per il ripristino della guglia prima dell'incendio, è stato sospeso per diversi mesi a causa del blocco del coronavirus, ma è ricominciato all'inizio di giugno. Si è dovuta installare un'alta gru sul lato della cattedrale per consentire agli operai imbracati di entrare e tagliare i tubi. Questo viene fatto gradualmente, partendo dall'alto e dal centro per non sbilanciare l'enorme groviglio di metallo. I lavori proseguono 24 ore su 24 e si prevede che saranno completati entro il mese di ottobre.

Eliminazione dei detriti
I detriti all'interno della navata principale e del coro sono stati rimossi, ma piccole pietre possono ancora cadere dalle volte, quindi le reti di sicurezza sono state lasciate sul posto e saranno rimosse solo quando inizia il restauro. Una piattaforma mobile («parapluie roulant») è stata posizionata sopra il coro e la navata per consentire agli operai di muoversi senza camminare sulle volte. I detriti e le travi bruciate vengono rimossi, con i due terzi delle volte del coro già puliti e i lavori che stanno iniziando ora sopra la navata. Anche questa operazione dovrebbe essere completata entro settembre o ottobre.

Ripristino delle volte
Un attento esame delle volte ha rivelato che il calore del fuoco penetrava nella struttura di pietra spessa 15 cm fino a una profondità di 2 cm. Sebbene ciò non minacci la stabilità complessiva delle volte, queste richiederanno un consolidamento sostanziale. Strati di materiale rinforzato dovranno essere applicati alle superfici in pietra per irrobustirne la struttura e allo stesso tempo rimanere flessibili. Ci sono anche cinque fenditure nella volta che dovranno essere riempite per prime e all'interno della cattedrale saranno eretti dei ponteggi per consentire l'accesso dal basso. Le volte della crociera, che è crollata completamente, saranno ricostruite al termine della costruzione della nuova guglia. L'intera ricostruzione dovrebbe concludersi entro il 2024.

Ripristino dei timpani
Tutti e tre i timpani, rispettivamente sui transetti nord e sud e sulla facciata, sono attualmente sostenuti da strutture temporanee e dovranno essere smantellati e ricostruiti, utilizzando per quanto possibile il materiale originale.

Ricostruzione del tetto e della guglia
Seguendo le raccomandazioni della Commission Nationale du Patrimoine et de l'Architecture, il tetto e la guglia saranno ricostruiti nel modo originale. Le tecniche di costruzione di questi complessi tetti a graticcio («trait de charpente»), considerati così eccezionali da meritare l'inclusione nella Lista del patrimonio immateriale Unesco, risalgono al Medioevo e sono stati mantenuti in vita in Francia dai centri di formazione del compagnonnage, l'antico sistema di corporazione dei carpentieri. Inoltre, la struttura del tetto originale di Notre-Dame è stata recentemente studiata nei minimi dettagli da Paolo Vannucci dell'Università di Versailles, che ha chiarito e calcolato tutte le sue soluzioni strutturali. Il tetto sopra il coro e la navata sarà costruito in modo tradizionale con tronchi di quercia appena raccolti, tagliati a mano, come in passato. Le strutture lignee sopra la crociera e quelle della guglia saranno invece costruite con legno stagionato, segato a macchina, proprio come suggerito da Viollet-Le-Duc. Dopo che la guglia è stata ricostruita, le statue dei santi, che per fortuna furono rimosse pochi giorni prima dell'incendio, saranno sostituite.

La copertura in piombo è probabilmente sicura
Tradizionalmente, i tetti di importanti edifici come Notre-Dame erano ricoperti di piombo, un materiale nobile che garantiva durevolezza e contribuiva con il suo peso a stabilizzare la struttura. Tuttavia, una decisione finale sulla copertura del tetto di Notre-Dame non è stata ancora presa a causa della controversia dopo l'incendio sul possibile inquinamento da piombo. Mentre l'inquinamento da piombo è stato trovato nei dintorni della cattedrale a causa del crollo e dello scioglimento delle piastrelle di piombo, sembra che nessun inquinamento sia stato rilevato più lontano nonostante il denso pennacchio di fumo che saliva dall'incendio. Ciò è coerente con il comportamento del piombo, che si scioglie a bassa temperatura ma vaporizza solo a temperature (1.750 °C) che non sono state raggiunte durante l'incendio. Inoltre, una volta posizionati i fogli di piombo, sviluppano rapidamente una patina che blocca il rilascio di particelle. Mentre in alcuni restauri sono stati utilizzati altri materiali (rame, zinco), Notre-Dame merita, se i dati scientifici confermassero i bassi rischi presunti, di essere coperta con un materiale nobile, nel rispetto della tradizione.

Riprogettazione della piazza della cattedrale

Il restauro di Notre-Dame comporta anche una completa riorganizzazione del suo sagrato, la piazza di fronte alla sua facciata principale che rientra nella giurisdizione della città di Parigi. È probabile che venga lanciato un concorso di architettura per la sua riprogettazione, ma non è stato ancora annunciato. Questa competizione offrirà l'opportunità per un «geste architectural» contemporaneo, come originariamente il presidente Macron voleva per la guglia di Notre-Dame.

L'autore è architetto ed ex alto funzionario dell'Unesco, già direttore del suo Centro per il patrimonio mondiale (2000-10) e assistente direttore generale della cultura (2010-18). Attualmente è consulente dell'Iccrom e dell'Aga Khan Trust for Culture.

Francesco Bandarin, edizione online, 22 luglio 2020


  • La copertura provvisoria («parapluie roulant») sopra il coro
  • Schema della struttura della carpenteria lignea del tetto e della guglia di Notre-Dame, che mostra le diverse fasi della costruzione
  • La crociera della navata e il transetto come appaiono oggi
  • Il timpano del transetto nord, che dovrà essere ricostruito
  • La rimozione delle statue dalla guglia prima che capitasse l'incendio
  • Lavoratori che puliscono le volte dalla piattaforma posizionata sopra il coro

GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012