«Cerchio, alluminio» (1994) di Bruno Romeda, collezione particolare, Cabris, Francia

Image

«Cerchio, alluminio» (1994) di Bruno Romeda, collezione particolare, Cabris, Francia

Bruno Romeda, lo scultore del vuoto

Brescia rende omaggio all’artista del metallo che fece della dematerializzazione il proprio tratto distintivo

Sale Marasino, nel Bresciano, il luogo in cui Bruno Romeda (1929-2017) è cresciuto per trasferirsi poi, dal 1953, in Provenza con il compagno di una vita, l’artista newyorkese Robert Courtright, rende omaggio allo scultore con una personale ospitata dal 24 maggio al 31 maggio 2025 nella Biblioteca comunale «Costanzo Ferrari». Curata da Elena Di Raddo ed Elena Scuri, la mostra «Bruno Romeda. Le geometrie della materia» è realizzata con Fondazione Brescia Musei, l’istituzione che l’artista ha scelto come propria erede: «Un’eredità concreta e ideale insieme: affidandoci il suo patrimonio, spiegano Francesca Bazoli e Stefano Karadjov, rispettivamente presidente e direttore di Fbm, ci sollecitava infatti a operare in favore dell’arte contemporanea, divulgandone i valori e sostenendo coloro che per primi ne sono, o ne sono stati, animatori e protagonisti: gli artisti». La mostra è il primo passo pubblico di questo impegno, in vista della pubblicazione del catalogo generale e della creazione di un percorso espositivo permanente a Brescia. 

Artista del metallo, autore dapprima di sculture dai volumi densi e compatti, quando, dai secondi anni ’60, entrò in contatto a New York con i minimalisti, Romeda impresse una svolta al suo lavoro, scegliendo in seguito la via, praticata fino alla fine, della dematerializzazione dell’opera, tanto da guadagnarsi la definizione di «scultore del vuoto»: «Mi piace iniziare con il pieno e svuotarlo, in modo che l’occhio possa concentrarsi», diceva. Nascono di qui le sculture fatte del solo contorno, in bronzo, di forme geometriche primarie e fortemente simboliche (il cerchio, il quadrato, il triangolo) cui l’artista assegnava asperità che generano una vibrazione vitale della materia. Opere di grandi dimensioni, in rapporto stretto con l’ambiente circostante, di cui diventano una sorta di cornice, o di finestra, per costringere l’osservatore a una presa di coscienza anche spirituale del paesaggio: «Voglio che la mia scultura si integri nel paesaggio fino a scomparire. Mi piace disturbare la vista. Mi divertono queste alterazioni della percezione tra la natura e le mie sculture, che [in essa] svaniscono». Esemplare il casale di Opio, presso Grasse, dove la coppia di artisti visse, nel cui giardino le sue sculture minimali interloquiscono con la natura fino quasi a nascondersi in essa, ma numerose sono le sue opere installate in Costa Azzurra e in Italia, come il trittico «Elogio dell’ombra» (1994), realizzato per l’azienda vinicola Ca’ del Bosco di Erbusco (Brescia), in dialogo stretto con l’acqua e con il verde. 

Bruno Romeda fotografato da François Fernandez, Nizza

Ada Masoero, 23 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

L’omaggio al gallerista recentemente scomparso di tre collezionisti-galleristi nel nuovo spazio che è «un luogo di studio, di conversazioni colte e di dibattito»

Donato da Giovanna Zanuso, presidente della Fondazione Sacchetti, la grande tela di Gian Paolo Panini sarà il fulcro della collezione settecentesca riallestita nell’ala nuova del museo a Milano

59 opere di 23 artisti della collezione di Giuseppe e Rosa Giovanna Panza di Biumo donate al Fai nel 2022 esplorano un concetto complesso, temibile e sfuggente

«Dedicheremo maggiore attenzione alla contemporaneità, come dimostra la produzione della mostra di Francesco Vezzoli al Museo Correr», spiega il presidente di Vif dal 2020

Bruno Romeda, lo scultore del vuoto | Ada Masoero

Bruno Romeda, lo scultore del vuoto | Ada Masoero