Image

La cupola del Pordenone in Santa Maria di Campagna a Piacenza

Image

La cupola del Pordenone in Santa Maria di Campagna a Piacenza

Salita al Pordenone dopo 500 anni

Compie mezzo millennio la basilica di Santa Maria di Campagna e Piacenza si prepara a celebrarla

Stefano Luppi

Leggi i suoi articoli

Una basilica che da 500 anni (il genetliaco è fissato al 13 aprile con la posa della prima pietra da parte del cardinale milanese Scaramuzza Trivulzio, documentata in quel giorno del 1522) rappresenta la comunità piacentina, laica e religiosa. Si tratta di Santa Maria di Campagna, chiesa dall’impianto planimetrico originario a croce greca, poi allungato con l’aggiunta del coro e con cupola centrale, e contenitore di importanti opere d’arte.

Se, infatti, l’edificio fu ideato prima del 1522 dalla Congregazione dei Fabbricieri, sono le decorazioni del XVI secolo a risaltare: gli affreschi della cupola (nella foto) e delle cappelle di Santa Caterina e della Natività realizzati nel 1528-43 da Giovanni Antonio De Sacchis detto il Pordenone e le «Storie della Vergine ed Evangelisti» (1543) nel tamburo e pennacchi della cupola di Bernardino Gatti detto il Sojaro. Il cartellone di eventi è partito il 2 aprile con una conferenza di Vittorio Sgarbi mentre il 9 aprile alla Biblioteca del convento si svolge un convegno internazionale curato da Valeria Poli. Dal 3 al 15 maggio è organizzata la «salita al Pordenone» per vedere da vicino le preziose pitture. La chiesa, peraltro, continua a riservare sorprese: alcuni mesi fa sotto il pavimento interno è stato ritrovato un antichissimo cimitero aperto ora alle visite su appuntamento.

Ma a Piacenza è tempo di anniversari «tondi», visto che si ricordano anche i 900 anni della Cattedrale di Santa Maria Assunta e Santa Giustina. Nell’edificio, in cui dal 1625 al 1627 il vescovo Giovanni Linati commissionò la decorazione della cupola prima al Morazzone e successivamente al Guercino, verranno realizzati numerosi eventi tra concerti, conferenze, teatro e visite guidate.

La cupola del Pordenone in Santa Maria di Campagna a Piacenza

Stefano Luppi, 04 aprile 2022 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Entrano a far parte del complesso l’Antica Spezieria di San Giovanni Evangelista, il Castello di Torrechiara a Langhirano e il Parco archeologico e antiquarium di Veleia, nel Piacentino. Dal 25 giugno biglietto unico per tutte le sedi, valido 30 giorni

Al Fmav di Modena l’artista bellunese esplora le ambiguità insite nel ruolo di dominio che l’uomo esercita sulla natura e le tensioni nella sua relazione con gli animali terrestri

Nelle due sedi dell’azienda, Porta Europa e Torre Unipol, una mostra tutta al femminile

Nel Palazzo Sums, a San Marino, una cinquantina di opere, anche recenti, dei cinque protagonisti del movimento teorizzato da Bonito Oliva e Mazzoli

Salita al Pordenone dopo 500 anni | Stefano Luppi

Salita al Pordenone dopo 500 anni | Stefano Luppi