Image
Image

Per andare a Roma si passa da Parigi

Giovanni Pellinghelli del Monticello

Leggi i suoi articoli

Il «Voyage à Rome» iniziato da Sotheby’s New York il 28 gennaio con l’asta della collezione privata di maestri italiani della fine del XVIII secolo (che aveva incassato poco più di 6 milioni di euro) si conclude il 4 maggio a Parigi, dove la «rievocazione» del Grand Tour in Italia si concentra sulle arti decorative neoclassiche dalla stessa collezione.

Pezzo forte è l’urna in marmo bianco, bronzo dorato e micromosaico (stima 150-200mila euro) di Giacomo Raffaelli, con le immagini di siti di Roma antica: il Colosseo, la Piramide Cestia, la Colonna Traiana e il Tempio di Vespasiano. Sempre in micromosaico i tre pannelli dedicati alla caccia al cervo, opera di Antonio Aguatti e Domenico Moglia (80-120mila).

Fra le sculture, i ritratti in terracotta di Ottone e Guido Visconti, commissione dei primi del ’700 dei marchesi Visconti di Brignano (a cui appartenne l’Innominato di manzoniana memoria) allo scultore lombardo Carlo Beretta (100-150mila); il Laocoonte in bronzo dorato, presumibile opera di Wilhelm Hopfgarten e Benjamin Ludwig Jollage (60-80mila), bronzisti prussiani attivi a Roma agli esordi dell’800 e collaboratori di Bertel Thorvaldsen, arricchito dal piedistallo in argento massiccio dell’orafo Filippo Ghirlanda, e il calamaio in porfido, vari marmi e bronzo dorato, opera di Francesco Righetti, 1820 ca (80-120mila), versione di quello del 1818 oggi a Pitti e copia di quello realizzato per papa Pio VI nel 1792 dall’orafo Vincenzo Coaci dell’atelier Valadier (Minneapolis Institute of Arts).

Nei dipinti (35-35mila euro l’uno) spiccano la «Veduta del Foro di Traiano» di Ippolito Caffi, 1832 ca, scandita dalla colonna e dalle cupole di Santa Maria di Loreto e del Santissimo Nome di Maria, e di Carlo Ferrarin la «Veduta del Campidoglio» del 1840, con il brulichio di figurine caratteristico dell’artista.

Giovanni Pellinghelli del Monticello, 05 aprile 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

I sopracamini che l’imprenditore Michelangelo Poletti si è aggiudicato nel 2022 sono esposti a Palazzo d’Accursio, dopo l’intervento di Giovanni Giannelli del Laboratorio Ottorino Nonfarmale

Le tappe del restauro dell’opera sono ora ripercorse in un volume, insieme al rapporto tra la pittrice più inneggiata del Seicento italiano e europeo e il committente Michelangelo Buonarroti il Giovane

Il libro di Adele Milozzi è un viaggio biografico tra le vite di granduchi, banchieri, cadetti e principesse, classificato un po’ impropriamente solo come «guida»

Nel Palazzo dei Diamanti l’artefice visionario di realismi impossibili in un allestimento curato da Federico Giudiceandrea e Mark Veldhuysen, presidente della Escher Foundation

Per andare a Roma si passa da Parigi | Giovanni Pellinghelli del Monticello

Per andare a Roma si passa da Parigi | Giovanni Pellinghelli del Monticello