Image
Image

Linea verde in pole position

Image

Jenny Dogliani

Leggi i suoi articoli

Diretta per la quinta volta da Sarah Cosulich Canarutto, riconfermata per un anno in attesa che la Giunta che siederà in Comune dopo le elezioni di giugno e i vertici della Fondazione Torino Musei chiariscano le nuove modalità per nominare il direttore della fiera, la 23ma edizione di Artissima si svolgerà nella consueta sede dell’Oval Lingotto dal 4 al 6 novembre.
Fedele alla propria identità sperimentale, volta ad anticipare le tendenze internazionali, la manifestazione porterà a Torino un crescente numero di gallerie straniere, che quest’anno raggiungeranno il 70% delle partecipazioni.
Per rafforzare il carattere di incubatrice di novità, tipico della fiera, sarà inoltre collocata all’ingresso, posizione privilegiata, la sezione «New Entries», dedicata a gallerie con meno di cinque anni di attività, che non rischieranno così di essere penalizzate dai colossi della «Main Section», tendenzialmente i primi a essere visitati dai collezionisti e dagli appassionati.
Non mancherà naturalmente «Back to the Future», la sezione che per prima ha pensato di riscoprire i pionieri del passato, concentrata quest’anno sul periodo 1970-89. A farle da contraltare, come sempre, «Present Future», con personali di giovani artisti coordinate da Luigi Fassi. A curare Per4m, il focus sulla performance che torna per il terzo anno, sarà il collettivo olandese If I Can Dance I Don’t Want To Be A Part Of Your Revolution, da sempre impegnato negli sviluppi di questo linguaggio.
Nuova di zecca invece la sezione «Dialogue», con progetti inediti che metteranno in relazione opere di uno o più artisti. Simone Menegoi sarà il curatore di «In Mostra», una collettiva con opere selezionate dalle collezioni delle diverse istituzioni del territorio, mentre Stefano Collicelli Cagol si occuperà del programma di talk «What is Experimental?».
Da segnalare infine i sei canonici premi: illy Present Future, Sardi per l’Arte Back to the Future, Promos Scalo Milano New Entries, Fondazione Ettore Fico, K-Way Per4m e Reda per la fotografia.

Jenny Dogliani, 16 luglio 2016 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Quindici formelle realizzate ad affresco su supporti in terracotta con spolveri ottenuti da matrici ricavate da pagine di libri mangiate da tarli e pesciolini d'argento. «Accanto», il nuovo lavoro dell’artista senese entra nelle collezioni del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe nel museo di Santa Croce sull’Arno. A presentarlo una tavola rotonda per riflettere sulla grafica contemporanea e l’utilizzo di materiali della tradizione storico artistica

189 gallerie, straniere per la maggior parte, provenienti da 34 Paesi e quattro continenti. 37 prime partecipazioni e 66 progetti monografici, dislocati nelle consuete sezioni. E anche 11 premi, uno al suo debutto. Ecco i primi numeri della 31ma Artissima, la terza diretta da Luigi Fassi, presentata oggi all’NH Collection Hotel Piazza Carlina a Torino. Una fiera sofisticata, capace di fare ricerca, di approfondire e di scommettere su singole pratiche artistiche e su scenari emergenti per coniugare, attraverso il contenuto, cultura e mercato

Nell’Heydar Aliyev Center, progettato nel 2012 a Baku, in Azerbaijan, da Zaha Hadid per trasformare il Paese in un punto di riferimento per la grande arte contemporanea internazionale, la prima mostra dedicata a uno scultore italiano, con 39 opere delle quali 19 inedite e site specific

Prosegue il programma in 13 tappe intitolato «Dalle sculture nella città all’arte delle comunità», curato da Marcello Smarelli per Pesaro 2024 e ispirato alla storica mostra «Sculture nella città», con la quale Arnaldo Pomodoro ha ridisegnato Pesaro grazie alle sue monumentali scultura dislocate nelle vie del centro storico. Un progetto che ora si evolve coinvolgendo artisti e cittadini in un’unica grande visione collettiva

Linea verde in pole position | Jenny Dogliani

Linea verde in pole position | Jenny Dogliani