Image

Una veduta degli interni del nuovo centro di conservazione del Louvre. © Rshp Joas Souza

Image

Una veduta degli interni del nuovo centro di conservazione del Louvre. © Rshp Joas Souza

La nuova cassaforte del Louvre

I depositi vanno a Nord: il più grande movimento di opere dalla seconda guerra mondiale

Luana De Micco

Leggi i suoi articoli

Il nuovo Centro di conservazione del Louvre, che negli ultimi anni ha sollevato tante polemiche tra gli stessi conservatori del museo, è stato inaugurato lo scorso 8 ottobre. Circa 250mila opere saranno trasferite da Parigi verso il nuovo moderno edificio nel Nord della Francia, a un’ora di treno dalla capitale e a poca distanza dalla sede del Louvre-Lens.

L’operazione, molto delicata data la fragilità di alcune opere, richiederà cinque anni. Il direttore del Centro, Brice Mathieu, ne ha parlato come del «più grande movimento di opere dalla seconda guerra mondiale, quando il Louvre trasferì le sue collezioni per far fronte alla minaccia d’invasione tedesca». Il fatto che l’edificio sia pronto e che il trasferimento prenda il via non ha però spento le polemiche.

Oggi le opere dei depositi del Louvre sono sparse in più di 60 siti. Alcuni locali nel sottosuolo del museo sono a rischio esondazione e a ogni grande piena della Senna, come è successo per le alluvioni del 2016 e del 2018, viene lanciato un dispositivo ben rodato di evacuazione delle opere, che vengono trasferite ai piani superiori comportando però la chiusura al pubblico di certe sale.

Per mettere definitivamente al sicuro le opere del museo, il progetto di decentralizzazione a Liévin, con la creazione di un unico deposito bunker, fortemente appoggiato dal direttore del Louvre Jean-Luc Martinez, fu dunque lanciato nel 2013. Budget totale: 60 milioni di euro, finanziati dal Louvre (34,5 milioni) con il contributo dell’Ue (18 milioni), della Regione (5 milioni) e del Ministero francese della Cultura (2,5 milioni).

Si sono invece mostrati contrari al progetto alcuni conservatori che hanno anche lanciato petizioni contro il trasferimento delle opere da Parigi. Denunciavano il costo ai loro occhi sproporzionato dell’operazione, il rischio di danneggiamento durante il trasporto e le difficoltà che incontreranno per effettuare il lavoro quotidiano, data la distanza tra Parigi e i nuovi locali.

La loro protesta non ha frenato il progetto. Il nuovo edificio, un blocco sobrio di cemento di 18.500 metri quadrati, di cui 9.600 allestiti a magazzino, incastonato dentro il paesaggio e ricoperto da un tetto vegetale, è stato progettato dallo studio di architetti londinese Rogers Stirk Harbour + Partners. Il magazzino, organizzato in otto settori, si articola intorno a un corridoio centrale, detto il «boulevard des œuvres».

Le prime opere che lasceranno Parigi per Liévin sono proprio quelle dei settori del museo a rischio esondazione. Il Centro è nato anche come luogo di ricerca, con 1.700 metri quadrati dedicati a sale per lo studio e agli atelier di restauro. La nuova «cassaforte» del Louvre potrà anche essere usata come «rifugio» per le opere d’arte evacuate dalle zone di conflitto, su richiesta dei Paesi stranieri.

Una veduta degli interni del nuovo centro di conservazione del Louvre. © Rshp Joas Souza

Luana De Micco, 15 novembre 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Oltre 130 opere ripercorrono i diversi «aspetti di modernità e di innovazione che hanno caratterizzato il nostro Paese» in dialogo con le collezioni del Musée d’art moderne di Troyes

Il maestro dell’oltrenero morto nel 2022, al quale è dedicato il museo, considerava l’artista che inventò il futuro un autore chiave del XX secolo. Il decimo anniversario dall’apertura si è rivelato ottima occasione per festeggiare con una mostra a lui dedicata

La 21ma edizione del Festival porta nelle strade della cittadina bretone una mostra en plein air

Nel Musée des Beaux-Arts una mostra eclettica e multidisciplinare dall’antichità ad oggi

La nuova cassaforte del Louvre | Luana De Micco

La nuova cassaforte del Louvre | Luana De Micco