Image

Hashtag e virtual reality per arte, moda e musei

Maurizio Francesconi

Leggi i suoi articoli

La moda conferma la sua centralità all’interno delle strategie non solo del Mibact ma anche di società come Google, in particolare riguardo alle politiche museali, social e non soltanto. Il primo progetto riguarda la campagna social del Mibact, che passa attraverso lo storico binomio arte e moda nelle collezioni dei @museitaliani con una serie di locandine digitali che per tutto giugno hanno animato il profilo Instagram degli oltre 420 musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali. I protagonisti sono abiti da sera e da ballo come anche della vita quotidiana insieme a cappelli, pendagli, bracciali, acconciature, collane di vari periodi storici a raccontare l’evoluzione della storia del costume prima e della moda poi.

Dal particolare del dipinto della regina Maria Teresa d’Asburgo Lorena di Francesco Torr, conservato alla Reggia di Caserta, al bracciale proveniente dalla Casa del Menandro a Pompei (conservato al Museo Archeologico di Napoli), allo smoking di Angelo Litrico del Museo Boncompagni Ludovisi ma anche i manichini a grandezza naturale di Henry James e Hendrik Christian Andersen della Casa Museo Andersen di Roma.

A ciò si aggiungano le locandine provenienti dal Museo Collezione Salce appena inaugurato a Treviso che fino al 2 luglio celebra la moda attraverso manifesti pubblicitari che raccontano la Belle Epoque e i primi anni del Novecento. I visitatori dei musei sono stati invitati a condividere le loro foto con l’hashtag #artemoda2017, andando alla ricerca di vestiti, acconciature, gioielli, accessori e costumi raffigurati all’interno delle collezioni più diverse dei musei italiani. Il progetto, ora dedicato alla moda, segue analoghe iniziative del Mibact, prima dedicate, con la stessa modalità degli «hashtag», a temi come #lartechelegge, #festadellamamma, #creaturefantastiche.

Per l’estate si annuncia un hashtag dedicato al viaggio. Il secondo progetto in atto è We Wear Culture, frutto della collaborazione tra Google Cultural Institute e oltre 180 importanti istituzioni culturali italiane e internazionali, nel quale tremila anni di moda vengono riuniti nella più grande sfilata virtuale possibile. Utilizzando una tecnologia all’avanguardia, che comprende la realtà virtuale, i video a 360 gradi, le Street View e le immagini gigapixel ad alta risoluzione, il progetto consente di esplorare la storia della moda e dei suoi pezzi iconici sulla piattaforma Google Arts & Culture. Esperti di moda, curatori e stilisti nonché università, musei e ong di ogni parte del mondo hanno collaborato all’esposizione.

Il progetto We Wear Culture consente di esplorare stili e look di epoche diverse per definire un percorso che faccia comprendere al visitatore i motivi delle nostre abitudini vestimentarie. Pezzi che hanno cambiato il modo di vestire di intere generazioni, come i tacchi a spillo di Marilyn Monroe o l’abito nero di Chanel, vengono riportati in vita grazie alla tecnologia realtà virtuale. Tutte le grandi istituzioni sono parte di questo progetto globale: dal Metropolitan Museum di New York al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, dal Kyoto Costume Institute alla Rele Arts Foundation di Lagos fino al MaXXI di Roma e Palazzo Madama a Torino.

Maurizio Francesconi, 11 luglio 2017 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Al J. Paul Getty Museum 20 scatti del fotografo britannico in un allestimento che espone anche cimeli dalle collezioni del museo e documenti

Attesa l’apertura delle Stanze della Fotografia a Venezia: un progetto ambizioso che prevede un ricco programma di attività e molte collaborazioni internazionali

La mostra arriva alla Fondazione Ferrero al termine di una tournée tra Venezia, Milano e Roma. La tappa piemontese si arricchisce di un nucleo di scatti realizzati in regione

L’incredibile incontro tra Martin Margiela ed Hermès: così lo stilista belga che utilizzava materiali di riciclo e ricorreva all’assemblaggio di tessuti usati «vinse l’ossessione della moda per l’innovazione e l’eterna giovinezza» e inventò lo slowfashion

Hashtag e virtual reality per arte, moda e musei | Maurizio Francesconi

Hashtag e virtual reality per arte, moda e musei | Maurizio Francesconi