Image
Image

Fotografie per bibliofili

Dall’Amazzonia di Richard Mosse alla vita di Nan Goldin, alle banlieue viste da dentro. Un anno di fotolibri

Gilda Bruno

Leggi i suoi articoli

Quali sono i fotolibri migliori del 2022? Per rispondere a questa domanda e fornire una panoramica ad ampio spettro abbiamo selezionato 6 titoli che vanno da grandi nomi ormai storici della fotografia ad autori contemporanei capaci di guardare al presente con sguardo inedito e occhio critico.
IMG20230613154835330_130_130.jpeg
Broken Spectre (Loose Joints)
di Richard Mosse
Racconta l’Amazzonia e gli sconvolgimenti ecologici del cambiamento climatico. Alternando tinte fluorescenti a scene monocromatiche, il volume richiama l’attenzione sulla distesa pluviale oggi compromessa da attività minerarie, disboscamento, incendi abusivi e agricoltura industriale.
IMG20230613155019102_130_130.jpeg
To look without fear (MoMA)
di Wolfgang Tillmans
Il libro riunisce 30 anni di carriera di Wolfgang Tillmans, tra scene di vita notturna e tumulto sociale, ritratti pungenti e nature morte, con lo scopo di favorire un dialogo politico e culturale. Tra i finalisti del Paris Photo-Aperture PhotoBook Award 2022 per la categoria «catalogo fotografico dell’anno», rappresenta in maniera multiforme «ciò che significa vivere al giorno d’oggi».
IMG20230613154919278_130_130.jpeg
This Will Not End well (Steidl)
di Nan Goldin
Il volume ci introduce in un universo elettrizzante che racchiude la visceralità della pratica della fotografa statunitense. Tra i traumi infantili, la gioventù senza filtri dei suoi primi scatti e gli anni bui della dipendenza da droghe, This Will Not End Well narra in modo travolgente la vita di Nan Goldin e il suo legame terapeutico con la fotografia.
IMG20230613155046224_130_130.jpeg
Une Avant-garde Féministe (delpire & co)
Da Renate Bertlmann a Francesca Woodman, sono tante le artiste che hanno abbracciato discipline visuali per riappropriarsi del femminile. Gabriele Schor, fondatrice della Sammlung Verbund Collection, le celebra in questo libro, che mostra come, grazie all’arte, le donne degli anni ’70 sono andate affrancandosi dal patriarcato.
IMG20230613154933355_130_130.jpeg
Odesa (Gost Books)
di Yelena Yemchuk
Tra i finalisti del Paris Photo-Aperture PhotoBook Award 2022 per la categoria «menzione speciale della giuria: fotolibri per l’Ucraina», è un’ode di Yemchuk alla città che la tiene legata alla sua terra dagli Stati Uniti, dove si trasferì a 11 anni. I suoi scatti eterei parlano di un Paese che non ha mai smesso di resistere.
IMG20230613155006538_130_130.jpeg
Périphérique (Loose Joints)
di Mohamed Bourouissa
Pubblicato nel 2021, vincitore del Paris Photo-Aperture PhotoBook Award 2022 per la categoria «fotolibro dell’anno», il libro guarda alle banlieue di Parigi (dove il fotografo è cresciuto) in maniera provocatoria: la sua messa in scena dei residenti dei sobborghi parigini parodia le rappresentazioni mediatiche degradanti che costringono gli stessi ai margini della società francese, dando voce alla loro voglia di cambiamento.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato sul «Rapporto Annuale Fotografia» allegato a «Il Giornale dell’Arte», n. 438, aprile 2023.

Una foto di «Peripherique» (2022) di Mohamed Bourouissa, «La main» (2006). Cortesia dell’artista e Loose Joints

Una foto di «Odesa» (2022) di Yelena Yemchuk. Copyright © Yelena Yemchuk. Cortesia dell’artista

Una fotografia contenuta in «Une Avant-garde Féministe» (2022) di Gabriele Schor. «Selbst» (1975) di Annegret Soltau. Cortesia dell’artista e della Sammlung Verbund Collection, Vienna

Una foto di «Nan Goldin This Will Not End Well» (2022) di Nan Goldin. «Self Portrait in Kimono with Brian» (1983), New York City. Cortesia dell’artista

Una foto di «To Look Without Fear» (2022) di Wolfgang Tillmans. «The Cock (Kiss)» (2002). Cortesia dell’artista, David Zwirner, New York_Hong Kong, Galerie Buchholz, Berlin_Cologne, e Maureen Paley, London

Still da «Broken Spectre» (2022) di Richard Mosse © Richard Mosse

Gilda Bruno, 13 giugno 2023 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella galleria londinese, l’artista Apsáalooke guarda alle origini del rapporto tra Europa e Nord America per denunciare espropriazione di cultura e risorse

«All About Love», prima personale itinerante incentrata sul lavoro dell’artista afro-americana, rivendica la rappresentazione della femminilità nera in un elogio alla cura, i rituali e la gioia associati a essa

Per il suo debutto alla Lisson Gallery di Londra, l’artista nigeriana avvolge il pubblico in un ambiente multisensoriale ispirato alla capacità di rigenerarsi dell’uomo e della terra

L’affinarsi della formazione universitaria riflette la crescente rilevanza del medium nella società di oggi, in Italia e nel mondo, ma l’incertezza dello sbocco professionale ne rallenta la diffusione

Fotografie per bibliofili | Gilda Bruno

Fotografie per bibliofili | Gilda Bruno