Image

Uno stand di una delle edizioni passate di Cortonantiquaria

Image

Uno stand di una delle edizioni passate di Cortonantiquaria

Antiquari sui colli aretini

Alla 57ma edizione di Cortonantiquaria partecipano una trentina di espositori

Image

Elena Correggia

Leggi i suoi articoli

Collezionisti esigenti e raffinati appassionati d’arte si incontrano sui colli aretini a fine agosto per visitare Cortonantiquaria. Allestita nel borgo toscano dal 24 agosto all’8 settembre, la manifestazione giunge quest’anno alla cinquantasettesima edizione confermandosi un evento di grande richiamo per il mondo dell’antiquariato, di cui rappresenta la mostra mercato più antica d’Italia.

Il percorso espositivo si snoda attraverso le storiche sale di Palazzo Vagnotti, gioiello settecentesco dell’architettura cortonese, con selezionate proposte e una vasta gamma di specializzazioni. Si spazia dai dipinti del XVII e XVIII secolo ai gioielli e agli argenti, dagli arredi italiani ed europei alle stampe, dalle sculture d’alta epoca agli oggetti in ferro battuto.

Saranno una trentina le gallerie presenti: a Furio Velona Antichità di Firenze è affidata la direzione scientifica e a partecipare saranno espositori provenienti da tutta Italia, oltre a due presenze straniere (Antigüedades Carretero di Madrid e Necessarily superfluous di Manchester).

Cortonantiquaria si caratterizza poi per le numerose iniziative che fanno da cornice all’esposizione principale, come le mostre collaterali, le conversazioni d’autore e il premio, che dal 2001 viene conferito a personalità che vantano un legame speciale con Cortona. La rassegna è promossa dal Comune di Cortona con il sostegno di Banca Popolare di Cortona, Camera di Commercio, con l’organizzazione della Cortona Sviluppo srl.

Uno stand di una delle edizioni passate di Cortonantiquaria

Elena Correggia, 15 agosto 2019 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

In asta il 12 giugno a Firenze raffinati oggetti, dal Medioevo ai primi del Novecento

All’asta da Christie’s a Parigi l'opera del pittore francese è stata battuta alla clamorosa cifra di 26,7 milioni di euro 

Da Wannenes a Genova vanno all’incanto opere d’arte, oggetti e memorabilia appartenuti alla diva romana

La variabilità della sua incontenibile capacità creativa rende poco riconoscibili i suoi lavori e ambigue le datazioni facilitando false attribuzioni. Ma il suo talento era straordinario e la costituzione di un Comitato scientifico per il rilascio delle autentiche potrebbe segnare un’inversione di rotta

Antiquari sui colli aretini | Elena Correggia

Antiquari sui colli aretini | Elena Correggia