Image

«Re Umberto di Savoia» di Giorgio Lotti, Meta.Project

Image

«Re Umberto di Savoia» di Giorgio Lotti, Meta.Project

Unica YouNique

Fotografia, design e arte contemporanea nella quinta edizione della mostra mercato luganese

Image

Jenny Dogliani

Leggi i suoi articoli


Nell’Ottocentesca Villa Ciani, immersa in un vasto e verde parco affacciato sulle acque cristalline del Lago di Lugano, dal 22 al 24 marzo si svolge la quinta edizione di YouNique Fine Craft Art & Design, mostra mercato di alto artigianato, arte e design che ospita eccellenti artigiani, artisti indipendenti e, dallo scorso anno, anche un’attenta selezione di gallerie d’arte contemporanea. Ideata, diretta e curata da Andrea Peri, è organizzata da Sonia Gaffuri, event manager di Target Management, con il contributo di Città di Lugano e Lugano Region e il patrocinio di Fondazione Cologni Mestieri d’Arte e Michelangelo Foundation. Quest’ultima è presente a YouNique con la Homo Faber Guide, la celebre e consultatissima piattaforma online dedicata all’artigianato, e con uno dei più talentuosi artigiani svizzeri, il maestro orologiaio Miki Eleta, i cui orologi, tutti pezzi unici realizzati artigianalmente, sono vere e proprie opere d’arte; tra le sue creazioni si annoverano la scultura cinetica di 6x10 metri nel quartiere Friesenberg a Zurigo, la Fontana all’ingresso del Museo Internazionale dell’Orologeria La-Chaux-de-Fonds, oltre a partecipazioni a mostre dalla Saatchi Gallery di Londra al Museo del Design di Zurigo.

Spina dorsale della manifestazione sono «gli artisti indipendenti, le gallerie d’arte e gli artigiani che danno vita a un percorso espositivo mirato a valorizzare il pezzo unico e a raccontare il saper fare in tutte le sue accezioni più esclusive e preziose, dall’alto artigianato al design, all’arte contemporanea», spiegano gli organizzatori. Pittura, scultura, arte fotografica, arte astratta e figurativa, NFT, oltre a mosaici, vetri artistici e preziosi gioielli, passando per oggetti di design, sono tante e di altissima qualità le proposte tra cui spaziare all’interno di stand immersi in un’atmosfera elegante e raffinata che non teme la contaminazione con i linguaggi del futuro, come gli Nft, realizzati da otto artisti e fruibili tramite visori nella galleria virtuale di Meta.project (al mondo degli Nft è dedicata una conferenza coordinata dall’avvocatessa Elena Rivautella sabato 23 marzo alle 16).

Circa un’ottantina di espositori tra gallerie e artisti indipendenti a cominciare da AA Spazio Arte, uno spazio dedicato all’arte contemporanea affermata ed emergente svizzera e internazionale, fondato a Lugano nel 2022, in stand opere di Fabio Calvetti, esponente della nuova Figurazione italiana che nei suoi raffinati dipinti indaga l’essenza dell’animo umano, accanto a lavori di Kane Mclay, Pierre Rulens, Marco Vido, Cesare Viola e Angela Toscanini.
Vi sono poi gli arazzi astratti e figurativi e gli oggetti decorativi taftati (una tecnica che prevede un’annodatura realizzata con un’apposita pistola) realizzati dall’artista olandese Jules Vissers nel suo fiorentino Atelier Taftique, con trame ispirate alla natura e all’arte classica italiana, prodotte con fibre rigorosamente naturali. E poi i coloratissimi dipinti ispirati alla natura di Amirata Winter, artista iraniano classe 1981, di base in Svizzera, cui fanno eco le sculture policrome in bronzo ispirate al regno animale, create dalla dominicana Silvia Meier, in Svizzera dal 1992, e molto altro ancora. Da segnalare anche il poi la mostra «Vento, pietra, acqua» dedicata alla Sardegna, che pone in dialogo arte contemporanea, design, e cultura popolar attraverso il lavoro di artisti, designer e artigiani sardi come Lalla Lussu, Mara Damiani, Paulina Herrera Letelier, solo per citarne alcuni.

La quinta edizione della kermesse si arricchisce inoltre di una sezione dedicata alla fotografia, grazie alla partecipazione dell’Associazione Culturale Emergenze Fotografiche e della galleria Meta.Project, che ha nella sua scuderia il celebre fotoreporter milanese Giorgio Lotti, classe 1937, presente nelle collezioni di alcuni tra i più importanti musei al mondo tra cui il Victorian & Albert Museum di Londra, il Cabinet des estampes di Parigi, e la University of Photojournalism Columbia di New York, autore di storici reportage in Cina, a Venezia, nella Firenze dell’alluvione e di iconici ritratti che spaziano tra attori, giornalisti, scrittori, cantanti e artisti cardine del Novecento come Alberto Sordi, Indro Montanelli, Alberto Moravia, Fabrizio De André, Andy Warhol, Yayoi Kusama e Lucio Fontana solo per citarne alcuni. Sua la fotografia più stampata di sempre: il ritratto ufficiale del politico cinese Zhou enLai (cento milioni di copie). Le fotografie di Giorgio Lotti costellano l’intero percorso espositivo all’interno di Villa Ciani e domenica 24 marzo alle 16 sarà ospite in una conferenza dedicata al fotogiornalismo. Alla fotografia è ancora dedicato lo spazio di Emergenze fotografiche, associazione fondata nel 2021 da un gruppo di artisti emergenti (non giovani) che portano nel proprio lavoro «emozioni e riflessioni legate alla maturità», spiegano dall’associazione Carlo Zoppi, Luca Zampini, Matteo Cervone e Roberto Pagliani.

E poi i gioielli e le gemme di Boite d’Or, presente con negozi in Italia e Svizzera, caratterizzati da una freschezza e originalità di progettazione omaggio alla fantasia e allo stile Decò. Gli arredi e i gioielli di Lorenzo Foglia, scultore, orafo, cesellatore, corteggiatissimo dalle Case Reali europee, dal teatro e dal cinema, nonché autore di varie premi tra cui le Coppe per i Gran Premi di Formula 1 di San Marino. Da segnalare anche le sculture figurative del ceramista faentino Carlo Zoli, che lavorando l’argilla con patine, smalti e metalli preziosi dà forma a dei, guerrieri e antichi personaggi dall’aura mitologica. E poi le creazioni in marmo della comasca Pusterlamarmi e l’inedito ed eccezionale incontro tra l’arte del mosaico e del vetro soffiato, espressione di un innovativo brand del Made in Italy, SERENA Luxury Mosaic, cui si devono lampade ed elementi d’arredo unici e originali. A corredo, infine, un nutrito calendario di incontri, eventi e performance come il livepainting di Federico Pinto Schmid, in arte DiPinto, autore di vivacissime composizioni astratte e geometriche. Tutti gli aggiornamenti su younique-experience.com

 

Jenny Dogliani, 15 marzo 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Prosegue fino al 15 giugno la mostra collettiva ispirata al sapone, il primo appuntamento del nuovo spazio fondato dai Murmur a Palazzo Zon: una piattaforma di ricerca multidisciplinare volta a creare nuovi linguaggi che abbraccino i vari ambiti della creatività contemporanea

Nello spazio milanese di HUB/ART in mostra ventotto opere in argilla, l’ultimo ciclo di lavori realizzato dall’artista faentino che esplora lo scorrere ciclico del tempo

Presentato alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo il nuovo libro e progetto voluto da Confindustria con il patrocinio del MiC, dedicato allo studio e alla mappatura di 57 collezioni corporate di arte moderna e contemporanea. Cinquantasette declinazioni del binomio arte e impresa nell’Italia di oggi, per documentare le ricadute culturali ed economiche e il sostegno al sistema e al mercato dell’arte generati da un’illuminata attività imprenditoriale, che dalle ricerche artistiche assorbe a sua volta nuove idee e orientamenti estetici per i propri prodotti

Ci lascia uno dei massimi artisti del XX secolo, con le sue astrazioni minimaliste, i «Black Painting», tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta ha rivoluzionato il linguaggio pittorico e rubato la scena all’Espressionismo astratto

Unica YouNique | Jenny Dogliani

Unica YouNique | Jenny Dogliani