Image

Dopo il restauro l’opera è stata presentata nel Museo di Santa Giulia

Crediti Fondazione Brescia Musei

Image

Dopo il restauro l’opera è stata presentata nel Museo di Santa Giulia

Crediti Fondazione Brescia Musei

È in Santa Giulia ora la «Madonna del latte»

Affrescata su un altarino esterno della chiesa bresciana dei Santi Ippolito e Cassiano, era stata salvata con un distacco a massello

Image

Ada Masoero

Giornalista e critico d’arte Leggi i suoi articoli

La «Madonna in trono che allatta il Bambino, incoronata da quattro angeli» (1525 ca) di Andrea da Manerbio (per i fedeli «La Madonna del Latte»), si trovava un tempo in un altarino esterno della chiesa bresciana dei Santi Ippolito e Cassiano, demolito nel 1904. Oggetto com’era di «gran divotione» (lo testimoniava nell’ultimo ’600 il pittore e scrittore locale Francesco Paglia), per salvaguardarla, nel 1878 il Comune ne commissionò il distacco al restauratore Giuliano Volpi, che operò con grande precauzione, optando per il costoso (e raro) distacco a massello, con cui si conserva la porzione di muro retrostante.

Al momento del recente restauro, promosso da Fondazione Brescia Musei (presieduta da Francesca Bazoli e diretta da Stefano Karadjov) e reso possibile dalla società Ingegneri Progettisti e Affini tramite Art Bonus, il dipinto ha perciò presentato un’ulteriore sfida in aggiunta ai danni causati dai sali che avevano provocato un’ampia perdita di materia, allo strato grigio opaco di particolato atmosferico e nerofumo che ne offuscava la superficie e ai danni causati da colle animali e adesivi vari applicati durante i precedenti restauri. Senza contare che le preziose finiture pittoriche a secco apposte sull’affresco dall’autore, come segnala il restauratore Massimiliano Lombardi, erano andate quasi completamente perdute «per il complesso vissuto, le operazioni di stacco e i successivi interventi».

Dopo la pulitura si è perciò proceduto al consolidamento, per ridare coesione al colore, alla stuccatura delle lacune e a un minuzioso ritocco ad acquerello, che ha restituito all’opera la leggibilità, pur senza cancellare i segni della sua storia.

Quanto agli aspetti stilistici, come evidenzia Nicola Turati, è stato notato (Fiorella Frisoni, 2018) che il suo autore, solo di recente identificato in Andrea da Manerbio, membro di una famiglia d’artisti dell’area del Sebino molto attivo in Brescia, si sottrasse alla lezione dei tre grandi bresciani Moretto, Romanino e Savoldo (loro, protagonisti dal 18 ottobre prossimo dell’attesa mostra in Santa Giulia «Il Rinascimento a Brescia»), per guardare piuttosto ai cremonesi Boccaccio Boccaccino e Galeazzo Campi e al Bernardino Luini di San Maurizio al Monastero Maggiore di Milano.

La «Madonna del Latte» è ora andata ad arricchire il percorso espositivo del Museo di Santa Giulia, in dialogo con gli altri dipinti murali che Andrea da Manerbio realizzò nella magnifica chiesa di San Salvatore (parte del complesso di Santa Giulia): la «Crocefissione» nella Cappella della Madonna e la «Morte di sant’Obizio» nell’omonima cappella.

«Madonna in trono che allatta il Bambino, incoronata da quattro angeli» (1525 ca) di Andrea da Manerbio. Crediti Fondazione Brescia Musei

Ada Masoero, 21 maggio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Donato da Giovanna Zanuso, presidente della Fondazione Sacchetti, la grande tela di Gian Paolo Panini sarà il fulcro della collezione settecentesca riallestita nell’ala nuova del museo a Milano

59 opere di 23 artisti della collezione di Giuseppe e Rosa Giovanna Panza di Biumo donate al Fai nel 2022 esplorano un concetto complesso, temibile e sfuggente

«Dedicheremo maggiore attenzione alla contemporaneità, come dimostra la produzione della mostra di Francesco Vezzoli al Museo Correr», spiega il presidente di Vif dal 2020

«Ciò che conta sono i visitatori, sono al centro di tutto». Dopo una lunga carriera di successo (dal 1993 è responsabile dell’Ufficio Mostre: «Ne ho dirette 1.500»), Domenico Piraina è oggi il direttore Cultura del Comune, che comprende anche teatri e biblioteche. Un settore di grandi numeri: 900 dipendenti e 7 direttori, 3,2 milioni di ingressi nel 2023

È in Santa Giulia ora la «Madonna del latte» | Ada Masoero

È in Santa Giulia ora la «Madonna del latte» | Ada Masoero